A rischio chiusura le scuole cristiane di Gaza

Nella Striscia, una legge intende introdurre la separazione tra ragazzi e ragazze nelle scuole, a partire dal settembre prossimo

Roma, (Zenit.org) | 329 hits

A Gaza una legge intende introdurre la separazione tra ragazzi e ragazze nelle scuole a partire dal prossimo anno scolastico. Cinque scuole cristiane, di cui tre cattoliche, sono sotto minaccia di chiusura (oltre a quelle scuole gestite dalle Nazioni Unite). Il Patriarca latino di Gerusalemme deplora questa prospettiva e manifesta l’intenzione di incontrare i principali leader di Hamas, tra cui il Ministro della Pubblica Istruzione, per arrivare ad una “soluzione per il bene degli alunni”.

Nella Striscia di Gaza, le scuole pubbliche hanno già applicato il principio delle classi non miste a partire dai nove anni di età. Con la nuova legge vengono prese direttamente di mira le scuole private, che a Gaza effettivamente sono miste. Le tre scuole cattoliche della Striscia accolgono 1500 alunni. Una scuola è tenuta dalle Suore del Rosario, mentre le altre due fanno riferimento al Patriarcato Latino.

Per il Patriarca, “tale decisione desta grave preoccupazione”. A livello materiale c’è un problema di spazi, di organizzazione e di professori. “Oltre a dover trovare spazi in aggiunta per raddoppiare i locali, le nostre scuole dovrebbero assumere più personale. Non abbiamo i mezzi”, ha detto il Patriarca. Bisogna sapere che uomini e donne non sono autorizzati a insegnare ad allievi di sesso opposto se questi abbiano più di dieci anni di età. Mons. Fouad Twal ritiene che non si andrà mai “in questa direzione” e che “non può trovarsi d’accordo”.

Il Patriarca latino di Gerusalemme, Mons. Fouad Twal, spera di discutere la questione con i ministri della Striscia di Gaza (compreso quello dell’Istruzione). “Questa decisione non è stata emanata dalle alte autorità, ma da un consigliere. Per questo motivo ho intenzione di recarmi a Gaza assieme al Direttore delle scuole di Palestina (Rev. Don Faysal Hijazen) alla prima occasione e, insieme ai responsabili di Hamas, trovare una soluzione per il bene degli alunni”.

I valori dell’apertura

L’istruzione è una priorità nella Diocesi di Terra Santa. Da un lato, le scuole cattoliche sono un mezzo per aiutare i cristiani a rimanere nella regione. D’altra parte, la Chiesa, attraverso le sue istituzioni, è sempre lieta di essere al servizio degli scolari (la cui stragrande maggioranza è musulmana), in ambito educativo, culturale, pedagogico. “Le scuole hanno un valore interreligioso e sociale di grande importanza”, ha sottolineato il Patriarca.

“Attraverso le scuole e la presenza degli alunni – ragazzi e ragazze – c’è come un vero e proprio canale di comunicazione con i genitori. Grazie ad esso, siamo riusciti a costruire amicizie con molte famiglie di Gaza, siano esse cristiane o musulmane, vicine a Fatah o Hamas” spiega il Patriarca, che aggiunge: “Crediamo nell’importanza dell’educazione nelle scuole dove si apprende l’apertura agli altri. I bambini che a scuola imparano e giocano insieme, conquistano la virtù del dialogo per il futuro“.

(Fonte: Patriarcato latino di Gerusalemme, 20/06/2013)