A Varsavia il funerale del cardinale Józef Glemp

L'ex primate di Polonia è stato sepolto nella cattedrale

Varsavia, (Zenit.org) Don Mariusz Frukacz | 1049 hits

Circa  90 cardinali e vescovi hanno partecipato ieri ai funerali del cardinale Józef Glemp, ex Primate della Polonia. Nella Messa nella Cattedrale di San Giovanni il Battista in Varsavia hanno partecipato quasi tutti i vescovi dell’Episcopato Polacco, con il suo presidente l’arcivescovo Józef Michalik.

Alla cerimonia hanno partecipato i rappresentanti delle autorità dello Stato, tra cui il Presidente della Polonia, Bronislaw Komorowski, l’ex presidente Lech Walesa, l’ex primo ministro Tadeusz Mazowiecki, i rappresentanti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica Polacca.

La Santa Messa è stata presieduta dal cardinale Stanislaw Dziwisz, arcivescovo metropolita di Cracovia, mentre l’omelia è stata pronunciata da attuale Primate della Polonia l’arcivescovo Jozef Kowalczyk metropolita di Gniezno. Tra i porporati concelebranti: il cardinale Péter Erdő, presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee, e il cardinale Stanisław Ryłko, presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, in rappresentanza della Santa Sede.

All’inizio della Messa, l’Arcivescovo Celestino Migliore, Nunzio Apostolico in Polonia ha letto un telegramma di cordoglio, che Benedetto XVI ha inviato al cardinale Kazimierz Nycz, arcivescovo metropolita di Varsavia.

All’inizio della Santa Messa il cardinale Stanislaw Dziwisz ha affermato che “oggi la Chiesa in Polonia e tutta la nostra Patria rende omaggio al cardinale Józef Glemp, il Primate delle grandi scoperte. In tempi difficili, nei tempi del comunismo, è diventato la persona che coraggiosamente e saggiamente ha lottato per la libertà e l’indipendenza totale dal sistema totalitario”.

“Il Primate ha dimostrato una grande compostezza e saggezza di vita a fronte di estreme divisioni politiche, per alleviare le tensioni interne con grande prudenza, e in tempi difficili di trasformazione rimasti fedeli a Dio e alla Chiesa”, ha detto l’Arcivescovo di Cracovia.

Il cardinale ha osservato che il cardinale Glemp “ha continuato la tradizione del Cardinale Primate del Millennio Stefan Wyszynski, rafforzando la fede e lo spirito della nazione, sostenuto da Papa Giovanni Paolo II”.

Poi, durante l’omelia, l’arcivescovo Józef Kowalczyk, attuale Primate di Polonia, ha definito il cardinale Glemp “un uomo di grande autorità e saggezza, un pastore secondo il cuore di Gesù, un instancabile predicatore della parola di Dio e ministro dei sacramenti”.

“Il Primate Glemp, con fiducia e speranza, ha realizzato il suo ministero, si è impegnato ad esso attribuito dal lavoro di Divina Provvidenza”, ha sottolineato arcivescovo Kowalczyk.

“Estremamente difficile per il giovane Primate Józef Glemp è stato il 13 dicembre 1981, Dichiarazione della legge marziale in Polonia. Il Primate si rivelò essere un uomo pieno di fede e di speranza. Ha avvertito, nonostante la mancanza di comprensione e sostegno da molti sfondi, prima di spargimento di sangue fratricida. Nei giorni difficili della legge marziale, intraprese una serie di azioni, frutto di comprensione, di perdono e di unità. In queste sue azioni era fedele alla sua motto episcopale Caritati in iustitia” (per la carità nella giustizia)”, ha continuato il Primate della Polonia.

Come ha sottolineato l’arcivescovo Kowalczyk, “il Primate defunto fu l’uomo di importanti iniziative come il  Secondo Sinodo Plenario della Chiesa in Polonia negli anni 1991-1999 e di sviluppo di un piano pastorale per il decennio prima del Grande Giubileo del 2000.  Il cardinale Glemp, come erede del cardinale Hlond e il cardinale Wyszynski, fu il custode spirituale della emigrazione polacca e ha visitato i centri polacchi in vari paesi del mondo”, ha aggiunto Kowalczyk.

“Ricordando le decisioni non realizzate della Costituzione del 3 maggio 1791, ha avviato la costruzione del Tempio della Divina Provvidenza a Varsavia, come un voto della nazione polacca per il dono della libertà riconquistata”, ha ricordato il Primate della Polonia.

“Le sue attività perla Chiesae il nostro Paese sono state percepite da vari enti ed organizzazioni, sia in patria che all’estero. Il 21 dicembre 2009, il Primate Glemp è stato onorato dalla più alta onorificenza del Presidente polacco Lech Kaczynski, l’Ordine dell’Aquila Bianca”. 

“La vita e il ministero del defunto il cardinale Józef Glemp è stato difficile e impegnativo. È stato il successore del grande Primate del Millennio. Il suo ministero si è realizzato alla luce del Pontificato di Giovanni Paolo II”, ha continuato l’arcivescovo Kowalczyk.

Alla fine della Santa Messa il Presidente della Repubblica Polacca Bronisław Komorowski ha definito il cardinale Józef Glemp “un buon figlio della sua Patria, un uomo di un profondo patriottismo”. Il cardinale Glemp è stato  in grado di agire non solo in nome dell’emozione patriottica, ma in nome della valutazione razionale della situazione, la valutazione calma della ragione di Stato e della nazione”, ha sottolineato Bronislaw Komorowski.

“Il cardinale Glemp era un uomo del dialogo e della comprensione, avendo cura di unità nazionale negli elementi essenziali”, ha concluso il Presidente della Repubblica Polacca.

Dopola Messa, la bara è stata spostata nel seminterrato degli arcivescovi di Varsavia del Duomo. Il Primate riposa in un sarcofago di granito nero. Il sarcofago è stato posto nel luogo dove prima erano deposte le spoglie di Zygmunt Szczesny Felinski, arcivescovo di Varsavia negli anni 1862-1883.