"Aiutiamo la Madonna ad aiutarci"

Dal 10 al 12 maggio la "Mariathon" mondiale di Radio Maria

Roma, (Zenit.org) | 381 hits

È in programma dal 10 al 12 maggio la Mariathon mondiale dell’Associazione World Family of Radio Maria (www.radiomaria.org) che coinvolgerà gli ascoltatori di tutte le Radio Maria presenti nel mondo per la missione evangelizzatrice che da oltre venticinque anni caratterizza l’emittente cattolica.

Un grande evento radiofonico con una programmazione speciale a livello continentale e mondiale per informare gli ascoltatori dei nuovi progetti che World Family ha avviato nel mondo, con la possibilità di sostenerli tramite offerte e donazioni secondo le modalità previste dalle singole emittenti oppure direttamente nel sito dell’evento (www.mariathon.org).  

La Mariathon è un’iniziativa già sviluppata a livello nazionale da molte radio. Affonda le sue radici in Colombia, dall’unione delle parole “Maria” e “maratona”.

«Una grande responsabilità è affidata a tutti noi: diffondere il messaggio evangelico e sviluppare il progetto di Radio Maria nel mondo. Per tale ragione in occasione del Convegno Mondiale di Collevalenza dell’ottobre scorso è nata l’idea della Mariathon mondiale. Occasione spirituale ed editoriale finalizzata quest’anno alla nascita di 11 nuove emittenti in Europa, Africa e Asia», sono state le parole di padre Livio Fanzaga ed Emanuele Ferrario, rispettivamente Directors Adviser e Presidente di World Family of Radio Maria.

Saranno undici le nazioni che ospiteranno presto una Radio Maria:

AFRICA: Guinea Equatoriale, Liberia, Madagascar, Mali, Nigeria e Repubblica di Guinea

AMERICA: Haiti

ASIA: Cina (Macao) e India

EUROPA: Irlanda e Lettonia

«Solo creando insieme questa grande sensibilizzazione di tutti gli ascoltatori del mondo alle vere necessità del progetto mondiale, crediamo che la Divina Provvidenza farà il resto nel cuore di ciascuno», hanno concluso Padre Livio e Ferrario.

Aprire una Radio Maria in uno di questi 11 Paesi assume un valore aggiunto per Radio Maria e per la Chiesa Universale, poiché la popolazione cristiana rappresenta un’esigua minoranza. Un’iniziativa ambiziosa dall’ampio valore sociale, ancor prima che cristiana. Evento che fungerà da aggregatore per tutte le 64 radio associate, per una emittente che raggiunge quasi mezzo miliardo di persone nel mondo.