“Al Venezuela non conviene instaurare un socialismo marxista-leninista”

Ha dichiarato l’Arcivescovo di Caracas, il Cardinale Jorge Urosa

| 363 hits

CARACAS, martedì, 13 marzo 2007 (ZENIT.org).- L’Arcivescovo di Caracas, il Cardinale Jorge Urosa, ha detto che al Venezuela “non conviene” l’instaurazione di un socialismo “marxista-leninista, perché non produce ricchezza”.



In un’intervista pubblicata l’11 marzo scorso dal quotidiano “El Universal” di Caracas, il Cardinal Urosa ha scartato la tesi del Presidente venezuelano, Hugo Chávez, per cui Gesù Cristo era “socialista” perché promuoveva la carità e la solidarietà con i poveri.

Interpellato sul socialismo del XXI secolo promosso da Chávez, il Cardinale ha insistito sul fatto che il concetto non è chiaro, ma ha ricordato che il Presidente nei suoi discorsi “rimanda” a Marx e a Engels.

“Evidentemente ci sta dicendo dove va il suo modello (marxismo-leninismo), e noi gli diciamo che non ci conviene, perché non produce ricchezza”, ha detto il Cardinal Urosa.

Il porporato ha spiegato che il sistema socialista con direttrici marxiste-leniniste sviluppato in Europa Orientale “non ha prodotto alcun benessere né progresso, e allo stesso tempo esercitava una grande oppressione sul popolo”.

In un’altra intervista, divulgata nello stesso giorno dall’Agenzia Boliviana di Notizie (ABN), il Cardinal Urosa ha ribadito l’interesse della Conferenza Episcopale Venezuelana (CEV) ad “entrare nel dibattito” sul socialismo del XXI secolo.

Il porporato ha ricordato che nel dicembre scorso l’episcopato ha inviato una lettera a Chávez in cui ha manifestato la speranza per un tipo di socialismo del XXI secolo “estraneo al capitalismo selvaggio così come all’ideologia marxista e statalista”.

Nel messaggio, ancora senza risposta, secondo il Cardinal Urosa, l’episcopato ha detto di auspicare che il socialismo del XXI secolo possa diventare “una via di trasformazione del Paese, aperta alla trascendenza e alla religione e promotrice dell’inclusione di tutti i Venezuelani attraverso la via del dialogo e del convincimento”.

Quanto alla ripetuta affermazione di Chávez del carattere “socialista” del figlio di Dio, il Cardinal Urosa ha risposto che “Gesù Cristo non è stato un politico”. “Non si può dire che Gesù Cristo avalli il sistema socialista, né quello neoliberale capitalista, quello monarchico o quello repubblicano”, ha dichiarato.