Al via il progetto "Roma: da Dea a Mater"

Il percorso didattico-catechetico alla scoperta del patrimonio culturale e artistico della capitale

| 775 hits

ROMA, mercoledì, 18 aprile 2012 (ZENIT.org) - Sabato 21 aprile, dalle 14 in poi, 50 tra bambini e ragazzi della parrocchia romana di San Saturnino accompagnati dai propri catechisti, saranno i primi partecipanti all'iniziativa Roma: da Dea a Mater, frutto della collaborazione fra Opera Romana Pellegrinaggi e Ufficio Catechistico del Vicariato di Roma.

L'iniziativa che parte sabato vuole essere uno strumento per le parrocchie di tutta Italia, un percorso interattivo alla scoperta della città di Roma che ha come obiettivo quello di raccontare ai bambini e ragazzi nella fascia di età compresa tra i 7 e i 15 anni il passaggio dal paganesimo al cristianesimo e l'annuncio del Vangelo nella Chiesa che presiede a tutte le altre Chiese nella carità.

L’iniziativa è gratuita per i bambini, i ragazzi ed i catechisti delle parrocchie di Roma e prevede una quota di 5 euro per eventuali altri accompagnatori, mentre per le altre parrocchie d'Italia prevede una quota minima di 9 euro a bambino per coprire le spese dei trasferimenti.

La proposta formativa prevede un cammino articolato in due itinerari che tenga conto delle età coinvolte e delle necessità comunicative. E' una proposta formativa che ha il duplice scopo di far conoscere le radici cristiane della società in cui viviamo e preparare dal punto di vista catechetico bambini e ragazzi che a breve riceveranno i Sacramenti dell’Eucarestia e della Confermazione.

Il titolo della proposta Roma: da Dea a Mater indica l’evoluzione della città di Roma che, grazie alla presenza e testimonianza degli Apostoli Pietro e Paolo, ha ricevuto l’annuncio della Buona Novella abbandonando così gli dei pagani. Il percorso e' articolato in cinque tappe: Campidoglio, l’Ara Coeli guardando al Foro e passando per il Carcere Mamertino, Via dei Fori Imperiali, Arco di Costantino, Basilica di San Giovanni in Laterano (esterno, interno e Chiostro). Sono previsti per i partecipanti materiali di supporto all’iniziativa sia cartacei sia audiovisivi oltre che veri e propri momenti di gioco/confronto.

Punto di approdo è la Cattedrale di Roma, la chiesa madre di tutte le chiese, la Mater Ecclesia. In questa nuova Roma non più Dea, ma Madre, la grande Basilica è un segno rassicurante e di Amore.

Nella visita i bambini e i ragazzi delle parrocchie saranno accompagnati dagli animatori pastorali di Roma Cristiana ORP e dai loro catechisti che verranno preventivamente formati.