Al via il V Corso di aggiornamento in Diritto matrimoniale e processuale

Dal 16 al 20 settembre a Roma, presso la Pontificia Università della Santa Croce

Roma, (Zenit.org) Laura Guadalupi | 358 hits

Si terrà a Roma, dal 16 al 20 settembre, il corso di aggiornamento in Diritto matrimoniale e processuale organizzato dalla Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università della Santa Croce.

Giunto alla quinta edizione, il corso presenterà ai ministri e ai professionisti dei fori ecclesiastici provenienti da tutto il mondo i principali e più recenti sviluppi normativi, dottrinali e giurisprudenziali riguardanti il processo di dichiarazione della nullità del matrimonio, insieme ad altri rilevanti settori d’attività dei tribunali.

D’altronde, all’articolo 35 dell’istruzione Dignitas connubii si legge: «Per svolgere con competenza l’incarico loro affidato, i giudici, i difensori del vincolo e i promotori di giustizia debbono aver cura di acquisire una conoscenza sempre più approfondita del diritto matrimoniale e processuale. Essi debbono particolarmente applicarsi allo studio della giurisprudenza della Rota Romana, poiché questa ha il compito di provvedere all’unità della giurisprudenza e di essere di aiuto, con le proprie sentenze, ai tribunali inferiori (cf. Pastor Bonus, art. 126)» (art. 35 §§ 2 e 3 istruzione Dignitas connubii).

La metodologia didattica è caratterizzata da un approccio integrato di tipo teorico-pratico. Sessioni in italiano con traduzione simultanea in inglese e spagnolo si alterneranno a momenti in cui si discuterà di casi pratici, che sono stati inviati ai partecipanti due mesi prima dell’inizio del corso per via elettronica, così da anticiparne lo studio e le riflessioni da sottoporre a dibattito. 

Lunedì 16 settembre, dopo i saluti del Rettore e l’introduzione del Decano della Facoltà di Diritto Canonico, ci sarà l’apertura dei lavori da parte del card. Raymond L. Burke, Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica. Nel corso delle cinque giornate di studio si affronteranno temi quali: Divorziati risposati e nullità matrimoniali (Rev. Prof. Héctor Franceschi, della Pontificia Università della Santa Croce), Mentalità divorzistica ed esclusione dell’indissolubilità (Prof. Mons. Massimo Mingardi, Vicario Giudiziale Aggiunto del Tribunale Ecclesiastico Regionale Flaminio), La celerità nelle cause di nullità matrimoniale: aspetti operativi (mons. Antoni Stankiewicz, Decano emerito del Tribunale Apostolico della Rota Romana). I partecipanti saranno suddivisi per gruppi linguistici (italiano, inglese e spagnolo) in modo da agevolare il dibattito intorno a casi pratici come la rilevanza della mancanza di fede nel consenso matrimoniale, l’esclusione del bonum sacramenti e il difetto di libertà interna.

La conclusione dei lavori sarà a cura del cardinale Francesco Coccopalmerio, Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi.