"Àlzati e cammina; tu, seguimi; sii luce del mondo"

Introduzione del Rettore dell'Università Lateranense alla fiaccolata degli Universitari di Roma

Assisi, (Zenit.org) Mons. Enrico dal Covolo | 278 hits

Riprendiamo il testo dell’introduzione del Rettore Magnifico della Pontificia Università Lateranense, monsignor Enrico dal Covolo, alla fiaccolata degli Universitari di Roma, avvenuta adAssisi, sabato 9 novembre 2013. 

***

Cari amici,

vi consegno solo un post-it da attaccare al vostro cuore, all’inizio di questa “marcia della fede” e a conclusione della nostra giornata.

Un post-it con tre imperativi.

Eccoli: àlzati e cammina; tu, seguimi; sii luce del mondo.

1.     Alzati e cammina…

…come Elia, che voleva lasciarsi morire nel deserto, e invece si alzò, e camminò quaranta giorni e quaranta notti fino all’Oreb, il santo monte del Signore; come il paralitico, che fece su il suo lettuccio, e si mise a camminare; come Levi/Matteo, che, all’invito del Maestro, balzò dal banco delle imposte dove era seduto, per seguire Gesù.

La posizione statica è una condanna a morte. Alzati dalla palude dei compromessi, dai miraggi di una felicità falsa… e cammina incontro alla speranza!

2.     Tu, seguimi

Sono queste le ultime parole che Gesù pronuncia nel Vangelo di Giovanni. Le prime erano: “Che cosa cercate?”.

Queste stesse parole sono rivolte a te, questa sera: “Che cosa cerchi ancora?” – ti domanda Gesù –: “Tu, seguimi!”. Fabrizio, Ilaria, Maria Giovanna, Antonio: tu seguimi!

“O Gesù Cristo” – così noi gli risponderemo –, “tu sei l’amico, il fratello, il compagno di viaggio; tu sei la via, la verità, la vita; tu sei il senso dell’esistenza. Tu sei il principio e la fine, tu sei l’eternità. Tu sei la speranza… Io ti seguirò, Signore!”

3. Sii luce del mondo

“Io sono la luce del mondo”, ha detto Gesù in un testo importante di autorivelazione. Ma, in una altro contesto, ha detto anche: “Voi, miei discepoli, siete la luce del mondo”.

La luce di Cristo si riflette sul volto della Chiesa, sul volto di ogni credente, chiamato ad essere testimone di Cristo. Il Vangelo non passa al mondo senza la testimonianza di chi ha creduto: Eritis mihi testes

Cari amici, ora voi camminerete, con in mano la candela accesa, quella candela che vi richiama la luce del cero pasquale, la luce del vostro battesimo, la luce della fede.

Lungo i passi del tuo cammino, ricordati: Alzati e cammina; tu, seguimi; sii luce del mondo.

+ Enrico dal Covolo