Anacoluto

Se "Dio, è il suo mestiere perdonare", ne consegue che "l'uomo, è il suo mestiere lasciarsi perdonare"

Roma, (Zenit.org) Andrea Panont, O.C.D. | 136 hits

L’anacoluto è una figura retorica in cui non è rispettata volutamente la correlazione tra le varie parti della frase. L’anacoluto diventa un preziosismo se lo fa un poeta. Ho provato a usarlo io in uno dei miei compiti in classe; è stato bollato come “errore di grammatica”.

Cliccando e navigando in google ho cercato alcuni anacoluti tra i più classici, per esempio quelli del Manzoni: “I soldati, è il loro mestiere di prendere le fortezze” – “Il coraggio, chi non ce l’ha non se lo può dare” – “Lei sa che noialtre monache, ci piace sapere le cose”.

E ho preso gusto a scorrere giù, giù…fino a imbattermi in un anacoluto in cui mi sono fermato, bloccato, perché è stupendo non solo come anacoluto, ma soprattutto per la sua profondità che ti attira e la sua esaustività che ti sazia. Eccolo:  “Dio, è il suo mestiere perdonare”.

Sono rimasto tanto affascinato che, in refettorio, chiacchierando con il mio vicino, ho sentito il bisogno di esternare la mia meraviglia, la mia sorpresa: “Sai, oggi mi sono sbizzarrito a leggere vari esempi di anacoluti. Ne ho trovato uno così bello che… non me l’aspettavo.”

Catturata la sua attenzione, glielo ripeto: “Dio, è il suo mestiere perdonare”. “E’ proprio vero; - commenta il mio commensale, gustando questo bocconcino – Lui non sa proprio fare altro”.

Non mi resta che concludere con un gioioso anacoluto: Se “Dio, è il suo mestiere perdonare”, ne consegue che “l’uomo, è il suo mestiere lasciarsi perdonare”.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.