Anche a Betlemme si prega per la pace in Terra Santa

Oggi pomeriggio, una Messa presso la valle di Cremisan che raccoglie l'invocazione per la pace che papa Francesco condividerà con Shimon Peres e Abu Mazen in Vaticano

Roma, (Zenit.org) Redazione | 343 hits

L’eco della preghiera del Papa per la pace in Terra Santa oltrepassa i confini vaticani. Oggi pomeriggio, nella valle di Cremisan, il “polmone verde” dell’area di Betlemme, si terrà infatti una Messa sotto gli ulivi presieduta da Abuna Mario Cornioli, sacerdote di Beit Jala.

Il sacerdote organizza ogni venerdì pomeriggio una liturgia in questa zona, che si trova sul tracciato previsto per l’ampliamento del muro di separazione eretto dalle Autorità israeliane. In questa occasione, la celebrazione raccoglierà l’invocazione per la pace che papa Francesco, il presidente israeliano Shimon Peres e quello palestinese Abu Mazen condivideranno in occasione del loro incontro in Vaticano, nel pomeriggio di domenica 8 giugno.

“È dall'ottobre 2011 che celebriamo liturgie eucaristiche, Via Crucis e Rosari tra gli olivi di Cremisan per chiedere che si fermi la costruzione del Muro nella valle”, conferma all’agenzia Fides Abuna Mario, il quale aggiunge che “lo strumento più efficace per chiedere la pace e la fine delle ingiustizie” è la preghiera.

“Perciò, quando abbiamo sentito il Papa che a Betlemme, sulla piazza della Mangiatoia, ha offerto 'la sua casa in Vaticano' per ospitare l'incontro con i due Presidenti e invocare l'avvio del dono della pace, per noi è stata una grande gioia piena di commozione”, conclude il sacerdote.