"Andrò in Cina e tradurrò la Parola di Dio in cinese"

Messaggio alle Chiese di Sicilia e alla Famiglia francescana per la Beatificazione di fra' Gabriele Maria Allegra

| 931 hits

ROMA, lunedì, 10 settembre 2012 (ZENIT.org) - Riportiamo di seguito il messaggio alle Chiese di Sicilia e alla Famiglia francescana per la prossima Beatificazione del Venerabile Servo di Dio fra’ Gabriele Maria Allegra, dell’Ordine dei Frati Minori. Il testo è firmato dal Ministro provinciale dei Frati Minori di Sicilia, fra’ Giuseppe Noto.

***

Carissimi fratelli e sorelle,

il 29 settembre 2012, festa dei santi Arcangeli, nella Basilica Cattedrale di Acireale verrà beatificato il Venerabile Servo di Dio fra’ Gabriele Maria Allegra dell’Ordine dei Frati Minori di Sicilia. È un evento atteso da tanto tempo per il quale rendere grazie al Signore! Un evento che possa essere occasione per rinnovare lo stupore e la gratitudine per il dono della nostra vocazione: vita vissuta nel sì incondizionato al Signore.

1. Quella di Fra Gabriele Maria Allegra, apostolo della Parola, è una vita intrecciata tra l’opera di traduzione e pubblicazione della Bibbia in cinese, e la testimonianza di una esistenza ispirata e vissuta nella carità di Cristo.

Una vita bella è un sogno di gioventù realizzato in età matura soleva dire Fra Gabriele Maria Allegra.

Questa “vita bella” comincia a S. Giovanni La Punta, in quella che è “una famiglia di santi”, la famiglia degli Allegra, modesta, ma intensamente religiosa. Un ambiente di preghiera, di fede e di amore per Dio e per Maria. In quella casa nasce Giovanni (il nome di battesimo) Allegra; in quell’ambiente “germina” e si sviluppa la sua vocazione cristiana e francescana (1).

2. Il percorso vocazionale di Giovanni inizia ad Acireale, nel Collegio serafico di S. Biagio, per essere introdotto alla conoscenza di s. Francesco e della sua proposta evangelica. Concluso questo primo periodo si reca a Bronte dove fra’ Gabriele Maria – così si chiamerà d’ora in poi – trascorre l’anno di noviziato; durante quest’anno si concretizza la sua vocazione missionaria. Nel 1924 torna ad Acireale per gli studi di scuola medio-superiore.

3. Egli coltiva un sogno che lo porterà a diventare missionario e a vivere per quasi mezzo secolo in Cina: Se i protestanti per amore della Parola di Dio hanno tradotto la Bibbia in cinese, perché i cattolici non possono fare altrettanto? Andrò in Cina e tradurrò la Parola di Dio in cinese (2).

Egli sa che si tratta di un impegno immane, che sarà compito di tutta la vita, che gli imporrà l’impiego di tutte le sue forze e l’aiuto dall’Alto. Con la semplicità e la fede che gli sono consuete mette il progetto nelle mani di Maria. A Lei promette di portare avanti quest’impegno fino alla fine (3).

4. Per questo lavoro egli ha la consapevolezza che alla S. Scrittura non ci si può accostare come se fosse un testo di studio qualsiasi, ma per ciò che essa realmente è, quale Parola di Dio interpretata nella fede della Chiesa (4). – scrive – facciamo ricorso a tutta la scienza necessaria a chiarire il Sacro Testo, ma leggiamolo e spieghiamolo nella Chiesa: la comunità dell’Amore, per spiegare l’Amore (5).

Al Verbo Eterno chiede la grazia di fargli comprendere i tesori nascosti della Sapienza di Dio e di essere introdotto nella conoscenza della Verità che è Cristo stesso. Sto alla porta e busso. Vorrei l’intelligenza del mistero di Cristo, vorrei comprendere per quanto è possibile a povero peccatore pentito, l’eminente scienza della sua carità, la sua regalità assoluta (6).

E ancora: Dammi, Te ne supplico, o Padre, l’intelligenza della Sacra Scrittura. Fammi comprendere per essa la pedagogia divina con la quale Tu conduci non solo un popolo, ma l’umanità intera a Te a al Tuo Cristo. Fa che […] sappia mutare lo studio in continua preghiera, e studi soltanto per diventare discepolo della Sapienza, cioè, per conoscerti meglio e per amarti di più! (7).

Fra Gabriele Maria Allegra, dunque, conduce il lavoro di traduzione della Bibbia sorretto da quelle che sono le due colonne portanti della vocazione francescana: la preghiera e lo studio.

5. L’opera di donare Cristo alla Cina e la Cina a Cristo, la traduzione della Sacra Scrittura in cinese, assume anche il senso del dialogo tra due civiltà, tra Oriente e Occidente, nel rispetto anzi nell’amore reciproco; non a caso il Beato Giovanni Paolo II ha indicato Fra’ Gabriele Maria Allegra quale “uomo del dialogo fra Cristo e la Cina”. In tal modo questo nostro Fratello e conterraneo ci conferma che la Parola di Dio è sempre capace di penetrare e di esprimersi in culture e lingue differenti, ma anche di trasfigurare i limiti delle singole culture per una comunione più vasta (8).

6. Fra’ Gabriele Maria Allegra fa parte di quella schiera di uomini di Dio, di quei giusti, che si sono fatti possedere da Dio, da Lui plasmare, dalla sua Parola inabitare e nei quali si è potuto leggere la presenza di Dio (9).

E qui la storia della traduzione si fa tutt’uno con la storia dei lebbrosi di Macau. I “suoi cari lebbrosi” (10), così lui li chiamava. Vivrà insieme a loro da fratello, da padre, da amico. Egli è convinto che se la parola dell’uomo sembra ammutolire davanti al mistero del male e del dolore, la Parola di Dio svela che anche queste circostanze sono misteriosamente “abbracciate” dalla tenerezza di Dio, che si rende presente attraverso la carità fraterna dei suoi discepoli. Colui che crede di aver compreso le Scritture – dice S. Agostino – senza impegnarsi a costruire mediante la loro intelligenza, l’amore di Dio e del prossimo dimostra di non averle comprese (11). Fra’ Gabriele Maria Allegra prende sul serio queste parole.

7. Perciò molto a Lui dobbiamo (12)! Con le parole di Fra’ Gabriele Maria Allegra che ritroviamo nelle sue Memorie, sale a Dio il nostro ringraziamento per la vita e l’opera di questo apostolo del Verbo Incarnato che ha donato la sua vita per la Parola.

Dobbiamo molto al Signore per il dono di santità e grazia concesso a questo nostro fratello e padre.

Deve molto l’Ordine dei Frati Minori e, in particolare la Provincia del SS. Nome di Gesù di Sicilia di cui p. Gabriele è figlio, che ha potuto offrire “il dono più prezioso fatto dai francescani al popolo cinese”, ovvero la Bibbia tradotta nella lingua di questo grande Popolo.

Gli deve molto l’Isola natia, ove sembrano risuonare ancora la parole del Beato Giovanni Paolo II: “Sii felice, Sicilia, sii felice… per i molti santi e beati. Sii felice, sii riconoscente a Dio per questi tesori di santità e di cultura” (13).

E allora: sii felice Sicilia, patria di P. Gabriele! Sii felice S. Giovanni La Punta che lo hai visto nascere, sii felice Acireale che hai visto muovere i primi passi di questa santità e ne custodisci i resti mortali.

Adesso è arrivato il giorno tanto atteso che potremo invocarlo col il titolo di Beato. Sarà questo un giorno di letizia per tutta la Chiesa, per l’Ordine dei Frati Minori, per la Famiglia Francescana, per la Sicilia; giorno illuminato dalla santità eroica di questo straordinario apostolo e servo della Parola (14) fra’ Giuseppe Noto.

Ministro provinciale dei Frati Minori di Sicilia

*

NOTE

1 Cfr. UMBERTO CASTAGNA, La parola è seme. Vita di P. Gabriele M. Allegra francescano, Edizioni Porziuncola, S. Maria degli

Angeli – Assisi 1997, 34.

2 S. OPPES, Le memorie di fra’ Gabriele M. Allegra ofm il “san Girolamo” della Cina, Città del Vaticano 2005, 62.

3 Cfr. CONGREGATIO DE CAUSIS SANCTORUM, Canonizationis servi Dei Gabrielis M. Allegra sacerdotis professi o.f.m., Positio super virtutibus, Roma 1989, 93. D’ora in poi verrà citata con Positio.

4 Cfr. BENEDETTO XVI, Esortazione apostolica Verbum Domini, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010, 29.

5 Cfr. GABRIELE MARIA ALLEGRA, Scintille dantesche. Antologia dai diari, Anna Maria Chiavacci Leonardi e Francesco Santi [a cura di], EDB, Bologna 2011, 180.

6 Positio, 81.

7 Positio, 81.

8 Cfr. S. OPPES, Le memorie…, op. cit., 30-31.

9 Cfr. BENEDETTO XVI, Esortazione apostolica Verbum Domini, 48.

10 S. OPPES, Le memorie…, op. cit., 164.

11 Cfr. BENEDETTO XVI, Esortazione apostolica Verbum Domini, 106;103.

12 È il titolo che fr. Gabriele Maria Allegra assegna alle sue Memorie autobiografiche.

13 GIOVANNI PAOLO II, Omelia per la beatificazione di Madre Maddalena Caterina Morano, in L’Osservatore Romano di sabato-domenica 5-6 novembre 1994, 6.

14 Cfr. J. R. CARBALLO, Gabriele M. Allegra un ardente missionario del Regno di Dio. Discorso nel XXVIII anniversario della morte del Ven. Gabriele Allegra (Acireale, 25 gennaio 2004), in ENCHIRIDION DELL’ORDINE DEI FRATI MINORI. Documenti 2003-2007 Vol. III, Edizioni L.I.E.F., Vicenza 2009, 453.