Assemblea Plenaria del CCEE a Bratislava

Dal 3 al 6 ottobre i presidenti delle Conferenze episcopali membri del CCEE discuteranno il tema "Dio e lo Stato. L'Europa tra laicità e laicismo"

San Gallo, (CCEE) | 257 hits

In una quattro giorni di lavoro (3-6 ottobre 2013), i presidenti delle Conferenze episcopali membri del CCEE discuteranno in che modo la religione e Dio sono realtà riconosciute, rispettate e attive nella costituzione, nel sistema giuridico e nella società dei paesi del continente europeo.

“La Chiesa vuole il bene della persona. Desidera quanto è buono per il suo sviluppo integrale e quello delle società in cui vive. Non ci stancheremo mai di dirlo”, chiarisce mons. Duarte da Cunha, Segretario generale del CCEE, e prosegue – “Le profondi trasformazioni socio-economico-culturali in corso, sembrano invece minare qualsiasi riferimento etico-morale dell’agire umano e delle nostre società. Sembrano volere sostituire la religione con il laicismo, diventata per alcuni la religione di uno Stato che si vuol moderno e democratico. Uno Stato o una società che non sanno aprirsi ad un Assoluto, sono destinati a sprofondare nell’individualismo pratico, dove il desiderio di ognuno diventa norma anche a scapito dell’interesse degli altri e della comunità. L’uomo invece porta radicato in sé il desiderio di Assoluto.  Una “sana laicità” – o laicità positiva - non teme Dio, e quindi, pur mantenendo vivo il principio della separazione fra Stato e istituzioni religiose, garantisce la presenza delle religioni nella sfera pubblica. In questo senso la religione e Dio non sono un ostacolo, ma un aiuto al raggiungimento del bene di ciascuno e della comunità.”

Il tema sarà introdotto dalla prof.ssa Emilia Hrabovec, docente di storia, a cui spetterà il compito di esporre le conclusioni di un’indagine svolta presso le Conferenze episcopali, volto a verificare quale laicità viene applicata in vari ambiti (insegnamento, vita amministrativa, politiche sanitarie, vita politica) delle società in Europa.

A Bratislava, i vertici della Chiesa cattolica in Europa si confronteranno anche su altre sfide sociali e spirituali dell’Europa di oggi:il tema dell’evangelizzazione in un mondo secolarizzato, quello dell’obiezione di coscienza e i lavori dell’Unione Europea e del Consiglio d’Europa.

Seguiranno l’insieme dei lavori, il Prefetto della Congregazione per i Vescovi (Santa Sede), Cardinale Marc Ouellet e il Nunzio Apostolico in Slovacchia, l’arcivescovo Mario Giordana. A Bratislava giungeranno anche il segretario generale del Simposio delle Conferenze episcopali d’Africa e del Madagascar (SECAM), mons. William Shomali, vescovo ausiliare del Patriarcato latino di Gerusalemme, Sua Beatitudine Ignace Youssif III Younan, Patriarca di Antiochia dei Siri ed un rappresentante della Conferenza episcopale del Kazakhstan.

Incontreranno i vescovi riuniti a Bratislava, anche l’On. Sig. Robert Fico, Primo Ministro del Governo slovacco e diversi rappresentanti delle istituzioni civili ed ecclesiali del Paese.

Venerdì 4 ottobre, alle ore 12.30, i Presidenti delle Conferenze episcopali d’Europa saranno ricevuti dal Presidente della Repubblica di Slovacchia, S.E. Sig. Ivan Gasparovic.

L’incontro si svolge a Bratislava su invito di mons. Stanislav Zvolenský, arcivescovo locale e presidente della Conferenza episcopale slovacca. L’assemblea plenaria è a porte chiuse e si svolgerà presso il Falkensteiner Hotel Bratislava (Pilárikova ulica 5 - Bratislava).

Sul sito www.ccee.eu (nella sezione featured today) è disponibile il programma completo e la lista dei partecipanti all’incontro.