Bandita la prima edizione del Premio Nazionale Giuseppe De Carli

Il riconoscimento è destinato a giornalisti e universitari che si sono distinti nell'ambito dell'informazione religiosa

| 905 hits

ROMA, lunedì, 16 luglio 2012 (ZENIT.org) - Un premio nazionale dedicato, a due anni dalla scomparsa, alla memoria del giornalista Giuseppe De Carli, già responsabile della Struttura RAI Vaticano, destinato a giornalisti che operano nell'ambito dell'informazione religiosa e a giovani laureati e dottori di ricerca delleFacoltà e dei corsi di laurea di comunicazione e giornalismo, sia private che pubbliche.

A bandirlo, la neonata Associazione Culturale Giuseppe De Carli - Per l'informazione religiosa”, costituita a Roma lo scorso 19 marzo proprio per promuovere iniziative di formazione, riflessione e dibattito su questo particolare ambito del giornalismo.

Come spiegano gli organizzatori, l'obiettivo del Premio è quello di “stimolare un giornalismo e una ricerca universitaria fatti con serietà, professionalità, forte motivazione, entusiasmo e chiarezza”. È sempre più evidente, infatti, l'importanza “di una adeguata formazione e del rispetto della deontologia professionale come elementi imprescindibili per una informazione seria ed efficace”.

Presupposti che possono “far riconquistare alla categoria quella credibilità spesso compromessa da atteggiamenti connotati dalla ricerca dello scoop a tutti i costi, dal sensazionalismo e dalla scarsa libertà individuale”. “Solo in questo modo – aggiungono i promotori del Premio – può esistere un giornalismo finalizzato a svolgere un'adeguata azione di evangelizzazione e, al contempo, a porsi come un attendibile punto di riferimento anche per le altre religioni e per i non credenti”.

Commentando l'iniziativa, il prof. Mario Morcellini, Direttore del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza Università di Roma, ha affermato: “È importante sostenere iniziative culturali che conducano il giornalismo a guardare in alto, a seguire le orme di chi ne ha scritto la storia con professionalità. Per i giovani laureati e addottorati sarà di certo una sfida interessante misurarsi con un premio che rappresenta, ancor più, un progetto culturale e didattico intorno all’etica della comunicazione”.

Per la categoria dei giornalisti, il Premio sarà attribuito a insindacabile giudizio della Giuria – di cui fanno parte docenti universitari, giornalisti professionisti, operatori della comunicazione, religiosi e persone che hanno lavorato a stretto contatto con Giuseppe De Carli – a uno o più operatori dell'informazione che, nel corso dell'ultimo anno, si siano distinti per qualità e professionalità dei loro articoli o servizi apparsi su testate nazionali, internazionali o locali della carta stampata, on-line, di radio e televisione.

Per la sezione studenti e ricercatori universitari, invece, verranno prese in esame le tesi inviate dai candidati, discusse nell'A.A. 2011/2012, che abbiano come tema centrale l'informazione religiosa. La data ultima per la consegna degli elaborati è il 31 marzo 2013.

La domanda di partecipazione deve essere inoltrata attraverso la pagina web dell'Associazione, http://www.associazionedecarli.it, alla sezione “Premio Nazionale”. È previsto un piccolo contributo di € 20,00 per le spese di segreteria. Ogni altra informazione può essere richiesta via mail all'indirizzo: premio@associazionedecarli.it.

L'iniziativa gode del sostegno e della collaborazione del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza Università di Roma, della Facoltà di Comunicazione Sociale della Pontificia Università della Santa Croce e della Pontificia Facoltà Teologica “San Bonaventura - Seraphicum”, oltre che di diverse associazioni di categoria dell'ambito giornalistico.

L'Associazione ha anche un account Facebook: http://www.facebook.com/assodecarli e Twitter: https://twitter.com/assodecarli