Bergoglio un mese dopo

Continuità di Papa Francesco con il magistero di Benedetto XVI

Roma, (Zenit.org) Mons. Vitaliano Mattioli | 1281 hits

L’elezione di qualunque Papa porta sempre ad evidenziare le differenze con il predecessore.  Normalmente si mettono in risalto gli aspetti positivi, le novità, anche riguardo le cose più semplici. E si dice quasi sempre che il nuovo Pontefice porti un’aria nuova nella Chiesa.  

Da questi entusiasmi bisogna prendere una certa distanza. Fin da quando ero studente mi è rimasto impresso il pontificato del Beato Pio IX (1846-1878). Nei primi due anni (1846-1848)  fu considerato il Papa della Provvidenza, colui che avrebbe risollevato le sorti italiane. Nel 1848, però, non permise alle milizie pontificie di unirsi all’esercito dei Savoia per combattere contro l’Austria. Il Papa rifiutò spiegando che il Capo della cristianità non poteva combattere contro una nazione cattolica come l’Austria, era un controsenso. 

Da quel giorno si scatenarono le forze anticlericali e per tutto il suo lungo pontificato, Pio IX  subì una persecuzione continua. Addirittura, dopo la sua morte, quando la salma fu trasportata dal Vaticano alla basilica di S. Lorenzo al Verano per la sepoltura, nel momento in cui il corteo funebre attraversò il ponte sul fiume Tevere, una banda di anarchici tentarono di gettare il feretro nelle acque.

Non vorrei che la stessa  cosa succedesse a Papa Francesco. Lui è il custode della Verità e della Tradizione. Lui è convinto di questo ed è disposto alla totale fedeltà. Questa sua posizione l’ha dimostrata più volte nei discorsi di questo primo mese. Come anche il nominare il suo predecessore con tanto rispetto e stima. Un punto che mi sembra di grande importanza. 

Nel discorso al Corpo Diplomatico ha pronunciato le seguenti parole: “Ma c’è anche un’altra povertà! È la povertà spirituale dei nostri giorni, che riguarda gravemente anche i Paesi considerati più ricchi. È quanto il mio Predecessore, il caro e venerato Benedetto XVI, chiama la 0dittatura del relativismo', che lascia ognuno come misura di se stesso e mette in pericolo la convivenza tra gli uomini [...]Non vi può essere pace vera se ciascuno è la misura di se stesso, se ciascuno può rivendicare sempre e solo il proprio diritto, senza curarsi allo stesso tempo del bene degli altri, di tutti, a partire dalla natura che accomuna ogni essere umano su questa terra".

Benedetto XVI usava spesso l’espressione «dittatura del relativismo», intendendo con la parola ‘dittatura’ la mancanza di libertà di pensiero e con la parola ‘relativismo’, l’assenza di assoluti.  

Papa Francesco  dimostra di condividere totalmente la dottrina del suo predecessore. Ciò significa che sui ‘Principi non negoziabili’  (altra espressione cara a Benedetto XVI) non si può scendere a compromessi. Ma perché è tanto importante non condividere la «dittatura del relativismo»?

Perché se si accetta questa, si deve accettare che non esiste una Verità assoluta, oggettiva, che sta a fondamento delle altre. All’uomo viene a mancare la bussola, il punto di riferimento oggettivo. Si slitta nel cosiddetto  ‘pensiero debole’, la cui paternità può essere individuata nel filosofo italiano Gianni Vattimo, ma le radici culturali si ricollegano a Martin Heidegger.  

Due, poi, sono i campi di applicazione: uno politico e l’altro morale. Nell’ambito della politica, la Congregazione per la Dottrina della Fede aveva emanato il 24 novembre 2002 una “Nota dottrinale riguardo ad alcune questioni relative alla partecipazione e al comportamento dei cattolici nella vita politica” firmata dall'allora Prefetto, Joseph Ratzinger.

In essa si legge: “Si constata che oggi c'è un certo relativismo culturale ... quando teorizza e difende il pluralismo etico (n. 2). La libertà politica non può mai essere basata sull'idea relativista secondo la quale tutte le concezioni del bene dell'uomo hanno la stessa verità e lo stesso valore ... La vita democratica ha l'esigenza di basi vere e solide, vale a dire, di principi etici che, per loro natura, non sono negoziabili (n. 3)”.

Se il Politico non accetta l’esistenza di questi principi non negoziabili, perde di vista la Verità e la morale oggettiva, cadendo in un arbitrario soggettivismo. Lo Stato laico si trasforma in Stato laicista che di fatto si presenta come Stato etico.  

L’altro è l’ambito morale. Dobbiamo ritornare un po’ indietro, alle due Conferenze del Cairo (Egitto 1994) e di Pechino (Cina 1995). Nella prima prevalse una filosofia edonista. In quella di Pechino, le vere intenzioni vennero presto allo scoperto. Dapprima si evidenziarono i ‘desideri sessuali’, che non è bene reprimere. E da questa riflessione si arrivò ad affermare che, se esistono ‘bisogni-desideri’ che non è bene reprimere, per l’individuo questo si trasforma in un ‘diritto’ da esercitare. Infine: se è un ‘diritto’,  lo Stato deve mettermi in condizione di poter esercitare questo ‘mio’ diritto.

Tutto questo ha coinvolto il campo della bioetica e ne ha stravolto totalmente la struttura. Dalla bioetica si è passati al bio-diritto per coinvolgere infine la bio-politica.

L’aver rinunciato a quei ‘principi non negoziabili’  ha condotto a questo positivismo: nulla esiste di certo; l’uomo diventa norma di se stesso. Abrogando la visione etica, tutto diventa lecito e nessuno deve contraddire questa liceità. La cosa peggiore, poi, è che questo ‘relativismo’ si trasforma in dittatura: è obbligatorio adeguarsi a questi cliché. Se uno, individuo o istituzione,  non si adegua è tacciato di oscurantismo e di nemico della modernità. 

Per questo la Chiesa, forse unica istituzione che si oppone a questa dittatura, è oltraggiata e vilipesa, ed il suo responsabile supremo, il Papa, è calunniato ed umiliato. Almeno questo è ciò che è capitato specialmente agli ultimi Papi. Non vorrei che succedesse anche a Papa Francesco. 

Benedetto XVI in un discorso a Milano, il 2 giugno 2012, ha detto che: “La libertà non significa l'arbitrarietà del singolo, ma piuttosto implica la responsabilità di ciascuno". Lo stesso discorso lo fece anche alla Curia Romana (21 dicembre 2012) parlando della "nuova filosofia della sessualità che si presenta sotto il termine gender" e osservando che "è evidente la profonda falsità di questa teoria e la rivoluzione antropologica dietro di essa". Per questa riflessione ha ricevuto molte critiche.     

Fortunatamente la Chiesa non si arrende di fronte a questa persecuzione. Oggi, in un totale sbandamento della società, un transatlantico senza bussola, qualcuno ha parlato di una eclissi di civiltà. La Chiesa Cattolica continua a mostrare i punti di riferimento per impedire il naufragio completo.

Per questo un grazie sincero a tutto ciò che Papa Francesco potrà fare per mantenere accesa la fiaccola della Verità e continuare ad illuminare questa umanità, secondo le parole del profeta Isaia: “Il popolo che camminava nelle tenebre, ha visto una grande luce, ma per chi abitava nell'ombra di morte una luce rifulse" (Is, 9, 2).E’ la luce di Cristo, portata all’umanità di oggi dal Suo Vicario in terra.