Card. Scherer: la parrocchia sia una comunità missionaria

Serve la conversione delle organizzazioni e delle strutture pastorali

| 988 hits

di Alexandre Ribeiro




SAN PAOLO, venerdì, 12 novembre 2010 (ZENIT.org).- Il Cardinale Odilo Scherer, Arcivescovo di San Paolo (Brasile), ritiene necessaria la “conversione missionaria” delle organizzazioni e strutture pastorali, in particolare della parrocchia, con tutto ciò che questa implica.

In un articolo pubblicato sulla rivista arcidiocesana “O São Paulo”, il porporato afferma che la parrocchia deve diventare più “comunità di comunità, gruppi, associazioni, movimenti e organizzazioni di discepoli missionari, che in essa vivono e si esprimono”.

Monsignor Scherer segnala anche la necessità di assumere una nuova consapevolezza della realtà della parrocchia, nel senso teologico e pastorale, superando una visione solo burocratica o giuridica.

“Ella è il volto più visibile e concreto del Mistero della Chiesa, 'sacramento di salvezza' nel mondo; è una comunità di battezzati, riuniti in nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, vivendo la fede, la speranza e la carità”.

La parrocchia “si riunisce intorno a Gesù Cristo, Signore e Pastore della Chiesa, rappresentato visibilmente dal ministro ordinato, che è al suo centro e alla sua guida per servirla nella carità. L'assemblea eucaristica è l'espressione più visibile e sacramentale della Chiesa”, afferma.

Secondo il Cardinale, la parrocchia è quindi “'casa di Dio' tra le case degli uomini, tempio di Dio edificato da pietre vive, che sono tutti i battezzati; è il 'corpo di Cristo' attraverso il quale egli continua a esprimersi(...); è il concreto e visibile 'popolo di Dio', che irradia nel mondo la luce di Cristo”.

Nella parrocchia, prosegue il porporato, la Chiesa intera si esprime e realizza la missione ricevuta da Cristo: “annunciare e accogliere la Parola di Dio; testimoniare la vita nuova ricevuta nel Battesimo, cercando ed esprimendo la santità di vita; organizzare e realizzare la carità pastorale, nel nome di Gesù, Buon Pastore, e sul suo esempio”.

Per l'Arcivescovo di San Paolo, una definizione che ben si addice alla parrocchia è quella di “comunità missionaria dei fedeli in Cristo nel mondo”.

La parrocchia “è l'icona visibile di quello che la Chiesa di Gesù Cristo è nella sua totalità. Evidentemente, nessuna parrocchia basta a se stessa o realizza da sola e autonomamente la sua missione, ma lo fa nella comunione della Chiesa particolare (la Diocesi) e nella comunione universale della Chiesa”.

Ad ogni modo, conclude il Cardinale Scherer, la parrocchia “è la Chiesa 'alla base'; se lì si svolgono la vita e la missione della Chiesa, si realizzano anche nella grande comunità ecclesiale; in caso contrario, la Chiesa corre il rischio di 'girare a vuoto' e di ridursi a una serie di istituzioni, senza arrivare al popolo e alle persone concrete”.

[Traduzione dal portoghese di Roberta Sciamplicotti]