Cattolici, ebrei e musulmani in dialogo alla GMG

Alla vigilia dell'evento, un seminario illustra come i giovani delle tre grandi religioni monoteiste "costruiscono ponti" a Rio de Janeiro

Rio de Janeiro, (Zenit.org) Airam Lima Junior | 398 hits

Per la prima volta nella storia della Giornata Mondiale della Gioventù, ha avuto luogo un momento di incontro tra i giovani delle tre grandi religioni monoteiste.

Domenica 21 luglio, 150 giovani cattolici, ebrei e musulmani si sono radunati alla PUC per un seminario promosso dalla Gioventù Interreligiosa di Rio de Janeiro (JIRJ, in portoghese), che celebra l'unità nella diversità e cerca di mettere in pratica il dialogo, raggiungendo fin nei più piccoli dettagli.

Ad esempio, gli organizzatori hanno deciso di non offrire al pubblico qualsiasi tipo di cibo o bevande nel frattempo, per quanto riguarda la celebrazione del Ramadan per i musulmani. Durante questo periodo, il seguace dell'Islam è a digiuno, mentre vi è sole.

Dentro l'auditorium, si potevano vedere molti giovani con magliette delle parrocchie o dei movimenti cattolici, ragazzi con il kipa ebreo e ragazze con l'hijab, il velo islamico tipico. Alcuni sono venuti da altri paesi, come il Nicaragua, la Bolivia e l’Algeria.

A tavola, giovani come Fernando Celino, della Società compassionevole musulmana di Rio de Janeiro, hanno riferito la loro esperienza nella ricerca del dialogo interreligioso: "Ho cominciato a frequentare la Commissione per la lotta contro l'intolleranza religiosa, che si è riunita ad un centro di umbanda (religione africana)", ha ricordato Fernando.

"Anche se non ho mai avuto pregiudizi contro le altre religioni, questo contatto era precluso dagli stereotipi che avevo. E soprattutto, ho stretto grandi amicizie".

"Riconosciamo Dio creatore", ha spiegato la cattolica Aline Barbosa, coordinatrice della pastorale giovanile. "Da lì, riconoscerci come fratelli, pronti ad amare il prossimo". Per questo, Rodrigo Baumworcel, dell’associazione ebraica Hillel, ha dichiarato: "La preghiera funge da ponte tra le religioni".

L'esperienza di dialogo interreligioso a Rio de Janeiro non è limitata al mondo accademico. Due scuole elementari e medie, la Santo Inácio (cattolica) e Liessin (ebraica) hanno lanciato il progetto "Vicini porte aperte", in cui gli studenti di una scuola visitano l'altra.

Più di recente, i musulmani, anche se non hanno scuole nella città, hanno iniziato a partecipare rispondendo alle domande di queste scuole sull'Islam. Questa esperienza ha motivato, nella riunione plenaria finale, una proposta di convivenza tra gli studenti delle istituzioni scolastiche di diverse religioni.

Inoltre, i giovani hanno proposto lo svolgimento di attività sociali e culturali come un mezzo per promuovere il dialogo tra le religioni.

Non va ignorato che gli "adulti" erano presenti al seminario. L'apertura della riunione comprendeva autorità come il sceicco arabo Mohammed Hamed Wali Khan, il rabbino argentino Abraham Skorka, amico personale di Papa Francesco, e Mons. Orani Tempesta, Arcivescovo di Rio de Janeiro, che ha sottolineato nel suo discorso che "i giovani annunciano al mondo che è possibile costruire un mondo di fratellanza e di pace".

Nel frattempo, per coloro che non potevano o non avevano l’intenzione di seguire il digiuno islamico, era presente, in prossimità dell’auditorium, una mensa, solo eccezionalmente aperta di Domenica, il cui proprietario è un musulmano.