Celebrazioni per il centenario dello scoutismo

| 383 hits

Di Mirko Testa

ROMA, venerdì, 23 febbraio 2007 (ZENIT.org).- Il 21 febbraio, presso la “Radio Vaticana”, si è svolta la conferenza stampa di presentazione dei principali appuntamenti ed eventi che si terranno in Italia e in tutta Europa a celebrazione del centenario dello scoutismo (1907-2007).

Nel prendere la parola Marialuisa Faotto, Commissario Generale dell’Associazione Italiana Guide e Scouts d’Europa Cattolici, ha elencato le numerose iniziative in programma per quest'anno, che hanno preso il via il 22 febbraio, “Giornata del ricordo”, in cui si celebra la nascita del fondatore dello scoutismo, Lord Robert Baden Powell (1857-1941).

A caratterizzare questa giornata è stato il cosiddetto “BP Day”, la Cerimonia del Penny, legato ad un messaggio di solidarietà. Nel 1932 una Capo belga, propose infatti che ogni scout desse “un Penny con un pensiero” e da allora la raccolta dei “Penny” per aiutare lo sviluppo del Guidismo/Scoutismo nei Paesi più poveri è divenuta una parte importante per alimentare lo spirito di fraternità e condivisione nell'Associazione mondiale.

Dopo la “Giornata del Ricordo” si proseguirà alla fine di aprile, con la festività di san Giorgio (23 aprile), patrono degli scouts, che quest'anno sarà caratterizzata dalla ricorrenza del centenario. Avrà luogo “Il Grande Gioco del Centenario”, che coinvolgerà tutta l'Associazione e sarà vissuta contemporaneamente da tutti i Distretti e da tutte le regioni, con il motto “Un Mondo, una promessa” a fare da filo conduttore.

Il 20 maggio si avrà poi il “Centenario in piazza”: gli scout scenderanno in piazza nelle diverse realtà locali per raccontarsi agli altri attraverso il gioco, l'avventura e il servizio.

Il culmine degli avvenimenti si avrà il 1° agosto, a ricordo del primo campo scout aperto da Baden Powell sull’isola di Brownsea. All'alba del centenario tutti gli scout del mondo rinnoveranno per l'occasione la loro promessa.

Tre giorni dopo, il 4 agosto, avrà inizio l'Euromoot, una proposta educativa internazionale che la Federazione delle Guide e degli Scouts d'Europa Cattolici rivolgerà ai ragazzi e alle ragazze che vivono l'esperienza dello scoutismo nei vari Paesi dell'Unione.

Successivamente, sui Monti Tatra (Carpazi), nel cuore dell'Europa, dal 4 all'11 agosto si daranno appuntamento oltre 5000 ragazzi e ragazze provenienti dalla Francia, dalla Romania, dalla Polonia, dalla Spagna, dal Belgio, dall'Italia, dalla Russia, dall'Ungheria, dalla Slovacchia e dalla Germania.

In queste terre, da sempre cerniera tra l'Europa orientale e l'Europa occidentale, cattolici latini e di rito orientale, ortodossi, protestanti, partiranno dalla cittadina di Levocà, con una cerimonia d'apertura presso il santuario mariano, e passeranno per la località di Olsztyn, da cui tutti insieme si incammineranno poi con un pellegrinaggio notturno alla volta del Santuario di Częstochowa.

Tra le altre iniziative, Maria Luisa Faotto ha poi ricordato che ci saranno la pubblicazione di un libro sul centenario dello scoutismo cattolico, un documentario, l'organizzazione di convegni in varie parti di Italia, la realizzazione del calendario del centenario, e infine l'emissione, il 23 aprile, dei valori postali in ricordo della nascita degli scouts.