Cellule staminali mesenchimali usate per trasportare farmaci

Uno studio italiano apre la strada a nuove forme di chemioterapia con dispositivo cellula/farmaco semplice, poco costoso e promettente

| 1234 hits

MILANO, giovedì, 22 dicembre 2011 (ZENIT.org).- In uno studio condotto da Augusto Pessina, del Dipartimento di Sanità Pubblica, Microbiologia, Virologia dell’Università degli Studi di Milano, in collaborazione con Giulio Alessandri, del Laboratorio di Neurobiologia, Fondazione Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano diretto da Eugenio Parati, e l’Università Cattolica del Sacro Cuore, pubblicato sulla rivista scientifica PloS ONE, è stato dimostrato, per la prima volta, che cellule mesenchimali umane isolate da midollo osseo, possono essere ‘caricate in vitro’ con farmaci chemioterapici e successivamente utilizzate con efficacia per il trattamento dei tumori. Queste cellule possono così divenire un nuovo dispositivo/farmaco (Cellpharm ®) in direzione di una cura sempre più mirata ed in grado di diminuire/eliminare alcuni effetti collaterali.

Il dispositivo, può essere preparato mediante semplici e poco costose procedure, che non comportano manipolazioni genetiche e quindi ne evitano tutti i rischi correlati.

Il dispositivo - sostiene Giulio Alessandri, del Laboratorio di Neurobiologia, Fondazione Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano - mantiene la sua funzionalità terapeutica anche dopo congelamento in azoto liquido aprendo così la strada alla possibilità di conservazione di queste cellule, che potrebbero essere utilizzate, nello stesso paziente donatore, anche tempo dopo la loro preparazione, per esempio in caso di recidive”.

La possibilità di usare cellule dello stesso paziente, trattamento autologo, ottenute da midollo osseo, tessuto adiposo e altri tessuti - aggiunge Augusto Pessina, del Dipartimento di Sanità Pubblica, Microbiologia, Virologia dell’Università degli Studi di Milano -, elimina il rischio immunologico e riduce anche il rischio di trasmissione di agenti patogeni. La dimostrazione sperimentale dell’efficacia del metodo è stata eseguita su tumori, ma l’applicazione potrà riguardare anche altre patologie ove sia richiesto un potenziamento sia della specificità che della attività terapeutica”.

Un aspetto molto importante della scoperta, infine, è che questa caratteristica biologica, ovvero di essere caricate con farmaci, sembra essere condivisa anche da altre popolazioni cellulari, come fibroblasti, cellule dendritiche, monociti e macrofagi, che sono presenti nel sangue e quindi facilmente isolabili dai pazienti.

Che le cellule staminali mesenchimali - commenta Eugenio Parati, Direttore del Laboratorio di Neurobiologia, dell’Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano - presenti in molti tessuti umani adulti ed in particolare nel midollo osseo e nel tessuto adiposo, possano rigenerare e riparare tessuti danneggiati era già stato dimostrato. Con questa nuova scoperta viene dimostrato che le stesse cellule possono essere utilizzate come ‘veicoli’ per trasportare farmaci che, raggiungendo in modo mirato le cellule dell’organo malato, avranno una maggiore capacità terapeutica”.

*

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Stampa Fondazione IRCCS Istituto Neurologico ‘Carlo Besta’
Enrica Alessi (335 8023380) - Sergio Vicario (348 9895170)
Ufficio Stampa Università degli Studi di Milano
Simona Centanni (3488704541)