Con don Pino Puglisi, martire della fede e testimone del Vaticano II

Giovani e adulti dell'Azione Cattolica italiana oggi a Palermo per la beatificazione del coraggioso sacerdote ucciso dalla mafia

Roma, (Zenit.org) | 514 hits

La Presidenza nazionale dell’Azione Cattolica Italiana e tanti ragazzi, giovani e adulti di Ac sono oggi a Palermo per partecipare alla beatificazione don Pino Puglisi, un grande amico dell’associazione, il sacerdote e parroco del quartiere Brancaccio ucciso dalla mafia, in odio alla fede e alla vita, poiché come ebbe a dire il beato Giovanni Paolo II «generoso ministro di Cristo, coraggioso testimone del Vangelo, impegnato nell’aiutare i fratelli a vivere onestamente, ad amare Dio e il prossimo».

Il martirio di don Pino Puglisi ha segnato profondamente sin da quel tragico 15 settembre del 1993 la vita e l’azione pastorale non solo della sua Chiesa palermitana, offrendosi come modello di sacerdozio e straordinaria testimonianza cristiana.

Il cuore di don Pino Puglisi è sempre stato tutto per la sua gente e dunque tutto per il Padre; un sacerdote che nella contemplazione e nell’azione per il bene del prossimo ha riassunto e testimoniato mirabilmente lo spirito del Concilio Vaticano II, nel cui solco ha sempre alimentato il suo personale cammino di fede.

L’Azione Cattolica Italiana è grata a don Pino Puglisi e con lui ai tanti martiri, beati e santi della fede che ogni giorno ci indicano la strada maestra dell’amore e del servizio alla Chiesa e agli uomini che Cristo ha amato sino alla Croce. Un cammino di fedeltà e di verità che solo chi abbraccia il Vangelo, chi cerca l’uomo fino in fondo, chi ama la vita senza se e senza ma può compiere.