Confartigianato protagonista a "Family 2012"

60 imprese al lavoro per il VII Incontro Mondiale delle Famiglie

| 743 hits

ROMA, giovedì, 31 maggio 2012 (ZENIT.org).- Confartigianato sarà protagonista a ‘Family 2012’ il settimo incontro mondiale delle famiglie organizzato a Milano dal 30 maggio al 3 giugno e che culminerà con la Messa celebrata il 3 giugno da Papa Benedetto XVI.

Le imprese di Confartigianato hanno lavorato per donare alla Diocesi calici e pissidi per la Comunione di oltre un milione di fedeli. Provengono dalle botteghe artigiane, infatti, 200 calici e 2000 pissidi che verranno utilizzati durante la Messa del 3 giugno. Di questi, 20 pissidi e 20 calici sono stati realizzati secondo libero progetto grazie al concorso di Artigianato d’Arte “Sign2012” promosso da Confartigianato.

È stata realizzata da un artigiano brianzolo anche la cattedra per il Papa insieme a quattro sedie cardinalizie e due minori ideate ed eseguite da imprese artigiane di Confartigianato a testimonianza della ricchezza, della varietà e della generosità della produzione manifatturiera artigiana.

Le pissidi e i calici che saranno utilizzati per la celebrazione eucaristica saranno poi donati alle parrocchie della diocesi e ai suoi missionari nel mondo intero. I pezzi artistici andranno invece a costituire una collezione itinerante.

Questa la trama di un impegno che ha coinvolto tutta Confartigianato, dalle Associazioni locali alla Confederazione nazionale, dalla Lombardia alle altre Regioni e sessanta imprese da Milano alla Brianza, dal Lazio alla Lombardia, da Bolzano alla Valle d’Aosta così che il Memoriale della celebrazione eucaristica si accompagni alla memoria delle tante mani e macchine che hanno lavorato con dedizione, passione e gratuità.

“Il gesto di Confartigianato - spiega il presidente di Confartigianato Giorgio Guerrini – nasce dai valori si cui si fonda la nostra Confederazione, quelli della persona e della famiglia, valori fortemente intrecciati e convergenti con quelli che stanno alla base di Family 2012. Per questo abbiamo contribuito con alcuni oggetti che esprimessero l'essenza dell’esperienza artigiana: un saper fare ricco di senso e di creatività”.

Sabato 19 maggio il Cardinale Angelo Scola, Arcivescovo di Milano, ha ricevuto gli artigiani e le loro famiglie, accompagnati dai vertici della Confederazione, e ha benedetto gli oggetti di arte sacra portati in dono dagli imprenditori.

Nell’accoglierli in Arcivescovado, il Cardinale ha sottolineato l'importanza delle relazioni quale fattore costitutivo del lavoro, di cui ha valorizzato la creatività e la maestria artigiana. Si è soffermato poi, in particolare, sulla dimensione della famiglia quale luogo di educazione dei figli a cui occorre tramandare i valori fondanti dell'operosità, del dono e della gratuità.

“Nonostante la difficile fase che stiamo vivendo e che va oltre il mero dato economico - ha spiegato durante l'incontro il Presidente di Confartigianato Lombardia Giorgio Merletti - le nostre imprese hanno accolto con entusiasmo la possibilità di dare il proprio contributo per l’incontro mondiale delle famiglie”. “Questo perché - ha continuato - l'impresa è spesso familiare tanto che a noi piace parlare di comunità di impresa, che si fonda sulle persone e che è in piena sintonia con i valori, gli obiettivi e il senso profondo dell'incontro”.

Un apprezzamento del mondo associativo rappresentato da Confartigianato è arrivato da Monsignor Erminio De Scalzi, Presidente della Fondazione Milano Famiglie, che ha consegnato a ogni artigiano presente una pergamena in segno di riconoscimento per l'opera svolta.

Anche De Scalzi, durante il proprio intervento, ha rivolto lo sguardo alle generazioni future e ha chiesto agli imprenditori e alle famiglie di assumersi l'impegno di consegnare ai figli gli elementi imprescindibili di una vita: fede e cultura.

Emozionati e orgogliosi del proprio lavoro, gli artigiani rivedranno le loro creazioni nelle mani delle centinaia di sacerdoti provenienti da tutto il mondo che distribuiranno la Comunione alla spianata di Bresso.