Credere di cuore. Un romanzo teologico di formazione

Una fenomenologia del credere sotto le condizioni avverse e stimolanti dellepoca presente

| 1029 hits

di Elmar Salmann

ROMA, sabato, 16 giugno 2012 (ZENIT.org).– Pubblichiamo in seguito la «Prefazione» del professor Elmar Salmann OSB al libro di Robert Cheaib, Itinerarium cordis in Deum. Prospettive prelogiche e metalogiche per una mistagogia verso la fede alla luce di V.E. Frankl, M. Blondel e J.H. Newman.

***

Le (auto-)biografie e i romanzi di formazione godono di grande popolarità presso il pubblico. In loro assistiamo al plasmarsi del cuore e della forma di una vita, di come una persona rintraccia le orme e la sagoma del suo destino e della sua vocazione, e trova la fecondità, il timbro e la musica di fondo che dà a tutto ciò che dice e compie un suo tocco inconfondibile.

Ed è nel cuore ove confluiscono e dal quale irradiano tutte le correnti della vita. Cosa sarebbe un uomo senza cuore? Gli verrebbero a mancare la letizia, la forza e la delicatezza dell’amare, la sua impressionabilità e vulnerabilità nonché la sua espressività e poeticità, il suo credere e dubitare, il suo ri-cordarsi e rin-cuorarsi.

Dalle Confessiones di Agostino fino a quelle di Rousseau, dal Guglielmo Meister di Goethe fino a Enrico il verde di Gottfried, siamo affascinati dall’emergere lento e sorprendente di una personalità, di una Bestimmung. Generazioni di italiani si sono riconosciuti nel diario immaginario di un ragazzo di terza elementare, Enrico Bottini, che narra gli episodi, lieti e tristi, di un intero anno scolastico, annotando via via le proprie impressioni su un quaderno che poi anni dopo stilerà con l’aiuto di suo padre. I sentimenti, i valori, gli ideali, le sofferenze e le gioie espresse in questo libro di Edmondo De Amicis ha forgiato per decenni l’autoimmagine ideale-laicale-patriottica degli italiani, come la loro anima onirica ha trovato il suo riscontro fantasioso nelle avventure, ardite e angoscianti, di Pinocchio, che nel suo correre scopre ed evolve la sua destinazione umana.

E se tutto questo nostro errare fosse una ricerca sofferta, gaia, spesso anonima di un Dio che avrebbe da dare il suo cuore? Non un idolo qualsiasi, nato dalle proiezioni e farneticazioni dell’animo umano, ma un Dio la cui essenza sarebbe la forza e la soavità della reconnaissance, dell’amicizia (come lo propone Tommaso d’Aquino nelle pagine memorabili della SCG IV, 21-23) e pietas: quae te vicit clementia… ipsa te cogat pietas… come canta l’inno della festa dell’Ascensione, un Dio quasi sconfitto dalla propria pietà, da quella misericordia che è il centro e la dinamica del suo cuore forte e vulnerabile che poi si rivelerà nel cuore trafitto e trasfigurato del Figlio.

La storia del romanzo di formazione e dell’uomo troverebbe così il suo compimento nell’Itinerarium cordis in Deum, al quale il saggio di Robert Cheaib ha cercato di dare un volto e uno statuto teologico.

Il lavoro si distingue per il connubio raro e felice tra elementarità e raffinatezza/sublimità, e in questo riflette un tratto significativo di ogni grande cosa/causa, del credere, amare e sperare, dell’arte, del testimoniare e generare la vita, di nascita e morte.

Assistiamo ammirati al lento forgiarsi ed emergere di una sensibilità religiosa, cristiana ed ecclesiale di cui i tre autori interpellati sono testimoni, tappe, stagioni, coscienze riflettenti e riflettute – un intrigo semplice e complesso, basale e ardito. Cheaib legge i tre autori come soggetti della e alla fede vissuta e ripensata, di una testimonianza imposta ed abbracciata, come personaggi di un dramma di vita, di bio-grafia, come laboratorio vivido e vivente, dal e nel quale si evidenziano con naturalezza le categorie dell’ultima parte per designare la fisionomia di una fede inverata, riprovata, rilevante.

Un Itinerarium che convince per la sua lucidità ermeneutica e dialettica (p.e. come Nietzsche e Lessing vengono introdotti come istanze in controluce), per la forza incisiva di riflessione e di empatia, il suo pathos religioso e il suo gesto linguistico; una costellazione non comune tra intelletto, afflato mistico e cultura. Un bel pezzo di teologia fondamentale che ne riprende e rinnova le domande ed istanze sul piano contenutistico e formale, dinamico e musicale, esistenziale e teorico; ne nasce una fenomenologia del credere sotto le condizioni avverse e stimolanti dell’epoca presente.

*

È possibile acquistare il libro seguendo questo link:

http://www.amazon.it/Itinerarium-Prospettive-pre-logiche-meta-logiche-mistagogia/dp/8830812498/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1339782663&sr=8-1&tag=zenilmonvisda-21