“Crociata” di preghiera per la pace in Nicaragua

Inizierà questo lunedì con la recita del Rosario

| 664 hits

MANAGUA, domenica, 8 maggio 2011 (ZENIT.org).- Questo lunedì, 9 maggio, la Chiesa cattolica del Nicaragua inizierà una “crociata” in tutto il Paese centroamericano per pregare per la pace, attraverso il Santo Rosario.



Il Nicaragua, sconvolto nei decenni passati da ondate di violenza, affronta un anno elettorale che mette in pericolo il fragile equilibrio politico e sociale in cui si trova attualmente.

La “crociata” nazionale di preghiera inizierà quando nove Vescovi si riuniranno lunedì a Rivas, a 110 chilometri dalla capitale Managua, come ha riferito alla stampa il vicepresidente della Conferenza Episcopale del Nicaragua (CEN) e Vescovo di Estelí, monsignor Abelardo Mata.

Nella sua presentazione alle televisioni locali, il presule ha reso noto che le giornate di preghiera con la recita collettiva del Rosario verranno effettuate tutti i giovedì nelle varie Diocesi del Paese per invocare la protezione della Vergine Maria e per ottenere la pace tra i nicaraguensi, molti dei quali recano ancora strascichi della dolorosa guerra che ha agitato il Paese negli anni Ottanta.

“La crociata nazionale della recita del Santo Rosario e le Sette visite a Gesù Sacramentato ci invitano a ricordare e a vivere il messaggio della Vergine di Cuapa (che ha il suo santuario nel centro del Paese), che ci chiama alla conversione personale e a costruire la pace e non solo a chiedere la pace”, ha detto monsignor Mata.

Il Vescovo di Estelí ha indicato che è convinzione della Conferenza Episcopale che i nicaraguensi abbiano bisogno di “una vera trasformazione del cuore che ci porti a riconoscere Gesù vivo nell'Eucaristia”.

“Solo così potremo spogliarci con la grazia divina della cecità spirituale e potere, con la luce dello Spirito Santo, questo sesto senso che dà la fede, vedere in profondità la realtà umana”.

Il Nicaragua eleggerà il 6 novembre prossimo il Presidente, il vicepresidente, 90 deputati all'Assemblea Nazionale e 20 al Parlamento Centroamericano.