Da un'enciclopedia di bioetica, la verità sull'uomo

Analisi e commento dell'Enciclopedia di Bioetica e Scienza giuridica a cura del card. Sgreccia e del prof. Tarantino, pubblicata dalle Edizioni Scientifiche Italiane

Roma, (Zenit.org) Angela Maria Cosentino | 997 hits

Sono ormai cinque di dodici, i volumi dell’Enciclopedia di Bioetica e Scienza Giuridica pubblicati dalle Edizioni Scientifiche Italiane: un importante e poderoso strumento di informazione e di formazione sulla bioetica che si interfaccia con il diritto. L’opera, nata da un’intuizione del prof. Antonio Tarantino, Ordinario di Filosofia del Diritto nell’Università del Salento, già Direttore, presso lo stesso Ateneo, del Centro interuniversitario di Bioetica e Diritti umani, è stata subito accolta dal S. Em.za il Cardinale Elio Sgreccia, Presidente emerito della Pontificia Accademia per la vita, perché risponde ad un’esigenza concreta: fornire una bussola di orientamento che, pur nel rispetto del pluralismo etico e religioso, si fondi sull’etica naturale aperta alla trascendenza e al rispetto dei diritti fondamentali della persona umana.

Tali fondamenti naturali rischiano di essere oscurati e destrutturati da correnti di pensiero giunte, con i temi di bioetica, progressivamente nei Parlamenti di tutto il mondo. Da qui, tradotte in leggi, hanno orientato l’agire di miliardi di persone.

L’Enciclopedia, riunendo in modo singolare aspetti biomedici, etici, e giuridici, consente di guardare un argomento da diversi orizzonti. L’opera, come spiegano nella Premessa i direttori, il cardinale Elio Sgreccia, e il professor Antonio Tarantino, intende contribuire al dibattito pubblico sul bio-diritto  con lo sguardo unitario della legge naturale.

I dati di partenza dell’opera, relativi alla natura umana acquisiti dalla comunità scientifica, si coniugano con il personalismo ontologicamente fondato, strutturato e promosso da Elio Sgreccia e si arricchiscono dell’apporto giuridico che, dai principi del diritto romano (interprete storico della legge naturale) giungono alle più recenti novità legislative e giurisprudenziali in ambito nazionale, internazionale e comparatistico, nelle prospettive de iure condito e de iure condendo.

Questo approccio innovativo si evidenzia in ogni voce che, in genere, è divisa in quattro sezioni:  medica,  etica, diritto romano e diritti positivi moderni.

Il coordinamento scientifico delle voci mediche è stato affidato al professor Adriano Bompiani, mentre quello relativo ad alcune voci presenti  nella sezione di diritto romano sono state affidate al professor Pierangelo Catalano.

Curatore della parte bioetica è il presidente della Pontificia accademia per la vita, monsignor Ignacio Carrasco de Paula, che ha cercato di armonizzare la sinfonia di personalità e sensibilità diverse.

Si è sviluppata, così, una vasta opera programmata in 12 volumi, di cui i 5 volumi usciti finora sono relativi alle voci che iniziano con le lettere A, B, C, D, E ed il sesto, relativo a F-G  è di prossima pubblicazione.

All’Enciclopedia collaborano docenti provenienti da 37 Atenei italiani e stranieri, 5 università pontificie, centri ospedalieri di studio e di ricerca.

L’opera, quindi, nata in ambito cattolico, è aperta al mondo per offrire ai problemi individuati, rimedi rispettosi della comune legge naturale, scritta nel cuore dell'uomo.  

L’enciclopedia, che per la chiarezza espositiva risulta accessibile anche a chi non possiede specifiche competenze mediche, etiche o giuridiche, rappresenta una preziosa opportunità formativa anche e soprattutto per i candidati delle prossime elezioni politiche, per comprendere il significato di grandi valori in gioco, come vita e famiglia, che oggi rischiano di essere colonizzati e destrutturati, compromettendo, così, il bene della persona e della società di oggi e di domani.