Diventare amore

Mettersi sotto i piedi del prossimo è la strada di chi "rinnega se stesso" per seguire Gesù

Roma, (Zenit.org) Andrea Panont, O.C.D. | 265 hits

Quante volte mi è capitato di vedere il mio papà pigiare l’uva, calpestandola con i piedi nudi nel tino. Lui lavorava… ma, quando ce lo permetteva, anche noi bambini, dopo esserci lavati accuratamente i piedi, entravamo nel tino. Saltellando sull’uva ci divertivamo un mondo.

E’ interessante vedere il grappolo, così gracile, così delicato, così…messo sotto i piedi.

Piedi che danzano sul tappeto dell’uva; sembrano piedi irrispettosi…irriverenti. Ma sono piedi tanto preziosi quanto provvidenziali per l’uva. Solo maltrattata così può diventare vino; può essere quello che deve essere.

Pino, a fine stagione, invitava i suoi amici ad assaggiare il suo vino. Ne garantiva la genuinità rassicurandoli: “E’ fatto coi piedi”.

Vino: insostituibile dono che allieta e disseta.

Anche Maria si è data da fare perché non mancasse alle nozze.

Quell’uva messa sotto i piedi. E’ quello che ha fatto Gesù con me e con te, per me e per te. Maltrattato, calpestato, dilaniato, annientato…sotto i nostri piedi, sotto i nostri tacchi, ci ha catapultati sul trono di Dio.

Quel mettersi sotto i piedi del prossimo, sotto i tacchi di chi vive con noi, è la strada di chi “rinnega se stesso” per seguire Gesù; è la direzione di chi vuol vivere come Lui, diventare amore, vino inebriante.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.