Dolore di Benedetto XVI per la morte di Tullia Zevi

Ex presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane

| 964 hits

CITTA' DEL VATICANO, lunedì, 24 gennaio 2011 (ZENIT.org).- Papa Benedetto XVI ha espresso il proprio dolore per la morte, avvenuta sabato a Roma, della signora Tullia Zevi, ex presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.



Un telegramma inviato dal Segretario di Stato vaticano, il Cardinale Tarcisio Bertone, afferma che il Papa “partecipa spiritualmente al lutto dei familiari e delle comunità ebraiche in Italia”.

Il Pontefice, spiega il porporato nel testo, riconosce “l’alto profilo morale e l’autorevole contributo” della signora Zevi “alla crescita, nella società italiana, dei valori di democrazia, pace e libertà e del sincero e fecondo dialogo tra ebrei e cristiani”.

Tullia Zevi, nata a Milano nel 1919, è stata uno dei leader storici delle comunità ebraiche italiane del dopoguerra.

Scrittrice, giornalista e musicista, ha dovuto abbandonare l'Italia durante la II Guerra Mondiale.

E' nota per aver seguito come corrispondente sia il processo di Norimberga che quello ad Adolf Eichmann a Gerusalemme.