"Donne cardinali? Serve molto più di un titolo onorifico"

In un'intervista a "Città Nuova", la presidente dei Focolari, Maria Voce propone ruoli più determinanti per il mondo femminile all'interno della Chiesa Cattolica

Roma, (Zenit.org) | 431 hits

«Un’emancipazione femminile che riprenda spazi agli uomini? Sarebbe un disastro per le donne». Il sacerdozio femminile? «Significherebbe ancora un ruolo di servizio». Almeno un cardinale al femminile sarebbe un segnale inequivocabile: «Per la donna non lo credo, non mi sembra essenziale». E le quote rosa? «Non mi entusiasmano per nulla».

Maria Voce, presidente del Movimento dei Focolari in un’ampia intervista a cura di Paolo Lòriga, sul numero di Città Nuova in uscita questa settimana, in fatto di conclave auspica una presenza femminile più determinante, tanto da avanzare proposte precise a riguardo.

La prospettiva del concistoro del prossimo 24 febbraio, il primo per papa Francesco, ha già iniziato a suscitare grandi attese. Bergoglio ha abituato a sostanziali novità in tanti campi e così i quotidiani – dall’inglese Sunday Times allo spagnolo El Pais, allo statunitense Washington Post – sono prodighi di nomi femminili e di commenti a sostegno della svolta epocale.

Eppure la presidente dei Focolari, una delle donne più influenti della Chiesa cattolica, esprime una posizione assai diversa. Il cardinalato sarebbe un titolo onorifico, niente di più, mentre per Maria Voce «c’è bisogno che tutta la compagine ecclesiale sia disposta ad accogliere l’autorevolezza di persone di sesso femminile anche laddove di prendono le decisioni più importanti della Chiesa».

«La donna – prosegue nell’intervista che apre Città Nuova del 10 novembre – deve essere riconosciuta prima di tutto come donna, non come sacerdote o vescovo, perché non è quello che ci interessa».

Maria Voce costata pure la gravità di un pregiudizio: «La donna è scarsamente considerata nel suo contributo di pensiero». Costata che il tratto e lo stile di papa Francesco sono il frutto di «contatti profondi e autentici con le donne» e auspica che «si affidi a quelli, oggi, per tirare fuori il meglio dalle donne nella Chiesa».

Donne nel conclave, genio femminile e doti di governo, rapporto tra i due generi, Mulieris Dignitatem e profezia sono gli altri argomenti su cui la presidente dei Focolari interviene con un approccio innovativo.