"Dove c'è un bambino, il Cielo riversa tutta la bellezza e la bontà del mondo"

Il cardinale Bertone in visita all'ospedale Bambino Gesù per gli auguri di Natale

| 1212 hits

ROMA, martedì, 20 dicembre 2011 (ZENIT.org) – Gli ospedali pediatrici, dove “a soffrire sono addirittura i bambini” sono luoghi che non devono togliere la speranza, anzi possono fornire l’occasione per gli uomini per approfondire il “senso della vita”, difficile da cogliere nella “corsa della quotidianità”.

Così si è espresso il cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato Vaticano, durante la sua visita di stamattina al nosocomio Bambino Gesù, dove ha portato gli auguri del Santo Natale.
Il porporato ha ricordato le grandi speranze che papa Benedetto XVI ripone nel più noto ospedale pediatrico romano, di cui segue con attenzione “i successi e l’impegno”.

Lo stesso pontefice, il 30 settembre 2005, aveva a sua volta visitato il Bambino Gesù descrivendolo come “un avamposto dell’azione evangelizzatrice della comunità cristiana”.
“Il Natale è la festa dei bambini e là dove c’è un bambino, il Cielo riversa tutta la bellezza e la bontà del mondo”, ha detto il cardinal Bertone durante la sua visita all’ospedale pediatrico.

Il Segretario di Stato Vaticano ha poi ricordato il recente messaggio del Santo Padre per la Giornata Mondiale della Pace 2012 in cui si ricorda che “non sono le ideologie che salvano il mondo, ma il Dio vivente, il creatore e garante della libertà, di ciò che è buono e vero”. È nel Signore che risiede la speranza, anche per i bambini gravemente malati.

Il cardinal Bertone ha elogiato l’Ospedale Bambino Gesù non solo per gli “interventi d’avanguardia” ma anche per lo spirito di “accoglienza” che si concretizza “nel ricovero e nella cura solerte e amorevole per i piccoli degenti”.

Se in ogni bambino ricoverato “si riconosce il volto di Gesù”, ogni cosa “diventa meno difficile”. Vedere soffrire i più piccoli “ci invita a guardare in noi stessi e a trovare quella via della speranza che il nostro cuore reclama”, ha aggiunto il porporato.