Edizione 2012 del premio "Rosa d'argento - Frate Jacopa"

Il riconoscimento sarà conferito all'avvocatessa Angela Alioto, nota per il suo attivo impegno politico per i senza tetto della California e il restauro della Chiesa di San Francesco

| 729 hits

ASSISI, lunedì, 1 ottobre 2012 (ZENIT.org) - La Fraternità Francescana dei Frati Minori della Porziuncola in Assisi, unitamente al Comune di Assisi, all’Associazione Lo Storico Cantiere di Marino (Roma) e alla Pro Loco di Santa Maria degli Angeli (Assisi), è lieta di conferire il riconoscimento "Rosa d'argento Frate Jacopa 2012 - Donne del nostro tempo testimoni di fede, speranza e carità”, alla Sig.ra Angela Alioto.

La presentazione del premio si svolgerà il 3 ottobre p.v., alle ore 09.30, presso la Piazza della Porziuncola, a Santa Maria degli Angeli (Assisi). Il riconoscimento verrà consegnato il 3 ottobre alle ore 11.00, al termine dell’Eucarestia celebrata in memoria del Transito di San Francesco e della visita di “Frate Jacopa” al Santo morente.

Il riconoscimento prende spunto dalla figura di Donna Jacopa dei Settesoli che, attraverso l’incontro con San Francesco, ha cambiato radicalmente la sua vita, divenendo testimone di fede e di carità. Ogni anno, in suo onore, viene scelta una figura femminile che nel nostro tempo incarni questi valori. Ad essa spetta il compito, il 3 ottobre, di omaggiare San Francesco con i doni che a suo tempo Frate Jacopa portò alla Porziuncola il giorno del beato transito del Poverello di Assisi.

Madre di quattro figli, Angela Alioto vive e lavora in California, a San Francisco. Avvocato di origini siciliane, fervente cattolica e appassionata francescana, da decine di anni passa con intensità in Italia i giorni del “Perdono di Assisi”.

In questi ultimi decenni, si è fatto sempre più rilevante il suo contributo politico per il sostegno dei numerosissimi senza tetto, vera piaga sociale della città californiana. Inoltre, attraverso il suo studio legale, si impegna con efficacia per la difesa delle tante persone discriminate per motivi razziali, sessuali e religiosi.

Si deve a lei, e alle tante persone che essa ha coinvolto nel progetto, il restauro della chiesa di san Francesco, storica chiesa della città, e la costruzione della “Nuova Porziuncola”, una riproduzione fedele della piccola chiesetta di santa Maria degli Angeli, tanto cara a san Francesco. Posta al centro della dinamica città di San Francisco, la “Nuova Porziuncola” vuole essere un punto di riferimento spirituale per coloro che desiderano riconciliarsi con Dio e trovare in Lui un sostegno.

Da diversi anni, infine, ha raccolto attorno a San Francesco e alla sua spiritualità, diverse personalità, di tutte le religioni e confessioni cristiane. Denominati “Cavalieri di san Francesco”, essi si spendono per aiutare concretamente i poveri della città e animare la vita della “Nuova Porziuncola”.