Erezione dell'Eparchia di "Notre-Dame du Liban de Paris des Maronites" e nomina del primo Eparca

Brevi della Sala Stampa della Santa Sede/4

| 776 hits

CITTA' DEL VATICANO, sabato, 21 luglio 2012 (ZENIT.org).– Il Santo Padre ha eretto l’Eparchia di Notre-Dame du Liban de Paris des Maronites, con sede a Parigi, e ha nominato primo Vescovo Eparchiale e Visitatore Apostolico in Europa Occidentale e Settentrionale per i fedeli maroniti, il Rev.do Sacerdote Nasser Gemayel, al presente parroco di "Sainte Tekla" a Masqua (Libano).

Rev.do Nasser Gemayel

Il Rev.do Nasser Gemayel è nato il 6 gennaio 1951 ad Aïn-Kharroubé, nella Arcieparchia di Antélias dei Maroniti. Ha frequentato il seminario di Ghazir e, per alcuni anni, il Conservatorio di Beirut, mentre ha compiuto gli studi istituzionali filosofico-teologici all’Università "Saint Esprit" di Kaslik. Ha conseguito nella medesima Università la licenza in teologia e all’Università "Saint Joseph" di Beirut quella in filosofia. Nel 1977 ha ottenuto un master in filosofia all’Università Cattolica di Lione e nel 1984 un dottorato in lettere e scienze umane alla "Sorbonne" di Parigi.

E’ stato ordinato sacerdote il 30 agosto 1981 per l’Arcieparchia di Antélias dei Maroniti.

Ha collaborato nelle parrocchie "Notre Dame du Bon Secours" a Zalka (1984-1985) e "Mar Shaaya" a Brummana (1986-1992). E’ stato poi parroco di "Sainte Tekla" a Masqua (1992-2000), "Mar Shaaya" a Brummana (2000-2003), "Saint Joseph" a Maamarieh (2003-2004), collaboratore nella parrocchia "Saint Jean" a Baouchrié (2004-2005), amministratore parrocchiale di "Saint Joseph" a Ghabé (2005-2006) e nuovamente parroco di "Sainte Tekla" a Masqua sino al presente.

Ha insegnato in diverse scuole superiori, in alcune università teologiche e diversi atenei.

E’ stato membro del Collegio dei Consultori (2003-2004), del Consiglio Presbiterale dell’Arcieparchia di Antélias (2003-2004), della Commissione Centrale del Sinodo Patriarcale Maronita e Cappellano in diverse scuole cattoliche e confraternite mariane.

Ha pubblicato libri sulla Chiesa Maronita.

Oltre all’arabo, conosce il francese, l’inglese, l’italiano, il tedesco e lo spagnolo. E’ un esperto della lingua siriaca.