Far conoscere il Concilio Vaticano II alle nuove generazioni

A distanza di mezzo secolo dall'apertura dell'assise conciliare il Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali ha presentato un docu-film realizzato dalla Micromegas Comunicazione

| 836 hits

di Daniele Trenca

ROMA, sabato, 6 ottobre 2012 (ZENIT.org) - Si è tenuto mercoledì 3 ottobre nel Palazzo San Carlo in Vaticano, la proiezione del docu-film “Concilio Vaticano II”. Un film la cui distribuzione è prevista per l’11 ottobre, a cinquant’anni esatti dall’apertura del Concilio (il XXI della storia della Chiesa, a 92 anni di distanza dall’ultimo).

«Era nostro desiderio – ha detto il Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, Mons. Claudio Maria Celli - far conoscere molto materiale del nostro archivio. La filmografia Vaticana ha messo a disposizione oltre 200 ore di filmati, documenti per lo più inediti. Un prodotto pensato innanzitutto per le nuove generazioni, che certamente avranno sentito parlare del Concilio, ma probabilmente non hanno mai visto niente di questo grande avvenimento del passato”.

Il film non è un collage di immagini, questo perché il Vaticano II non è soltanto un momento della storia, ma come sempre avviene nella Chiesa è una storia che vive, che ispira anche il nostro cammino di oggi. Nel video vengono mostrati i momenti più significativi, dal contesto storico in cui si posiziona l’assise sino alla preparazione della Basilica di San Pietro, trasformatasi nella grande sede dell’evento.

«Abbiamo prodotto questo docu-film – ha continuato Mons. Celli –  facendo si che il Concilio sia ancora ispiratore del nostro cammino di uomini e di cristiani oggi. In archivio abbiamo ritrovato anche l’intervento in sinodo di Karol Wojtyla, arcivescovo di Cracovia. Fa una certa emozione risentire la sua voce mentre fa il suo intervento in latino. E’ impensabile il cammino della Chiesa in questi 50 anni senza il Concilio Vaticano II, ma è anche un percepire come il Concilio ci aiuta a noi oggi».

Il prossimo 11 ottobre il filmato sarà trasmesso dalla Rai per ricordare il mezzo secolo dall’apertura del Concilio. Girato in full HD, in un set e all’interno dei luoghi più significativi della Città del Vaticano: l’Archivio Segreto, la Biblioteca Apostolica, la Basilica di San Pietro, la Pinacoteca, la Cappella Sistina, le Stanze di Raffaello e le Grotte Vaticane. Testimonianze eccellenti di Cardinali, Patriarchi ed Arcivescovi dell’epoca rendono il filmato unico, approfondendo le tematiche affrontate dal Concilio. «Il nostro compito è stato quello di dare una forma comunicativa all’annuncio del Vaticano II» sono state le parole di Erminio Fragassa, Presidente di Micromegas Comunicazione.

«Il punto centrale di Papa Montini sulla Chiesa è stato: cosa dice di te stesso? – ha proseguito Mons. Celli – Questa è una consapevolezza profonda che ancora oggi ha il suo significato di ispirazione. L’intuizione del Concilio, avuta da Papa Giovanni XXIII, ha aiutato gli uomini a sperare e sognare – ha concluso – Nonostante le difficoltà del tempo presente, che non solo soltanto economico-finanziarie, ma di carattere antropologico. Ritengo che immergendoci nello spirito del Concilio possiamo imparare o continuare a sperare e a sognare».