Fede e speranza. Il rimedio della Chiesa alle "crisi" dell'uomo

A Varsavia inizia oggi il 41° incontro dei segretari generali delle Conferenze episcopali d'Europa

San Gallo, (Zenit.orgCCEE) | 275 hits

Si apriranno nel pomeriggio i lavori del 41° incontro dei segretari generali delle Conferenze episcopali d’Europa. L’incontro, che si svolge a Varsavia (Polonia) su invito del Presidente della Conferenza episcopale polacca e Vice-presidente del CCEE, Mons. Józef Michalik, intende essere un’occasione di scambio sull’odierna situazione del continente europeo e sul tema dell’annuncio cristiano nell’Anno della fede. Nei quattro giorni di lavoro, i segretari delle conferenze episcopali d’Europa, approfondiranno la missione della Chiesa alla luce dell’esortazione post sinodale “Ecclesia in Europa” (28 giugno 2003).

Fino a domenica 30 giugno, presso il Centro della Caritas polacca (Ul. Okopowa 55), i segretari di 33 conferenze episcopali in Europa, cercheranno di evidenziare luci ed ombre dell’attuale crisi che il continente europeo sta attraversando e che interpella anche la Chiesa nella sua missione di annuncio del Vangelo.

“Si tratta insomma di mostrare che Gesù è anche oggi sorgente di speranza per l’uomo e l’Europa come il Beato Giovanni Paolo II scriveva in Ecclesia in Europa” – afferma mons. Duarte da Cunha, segretario generale del CCEE, e prosegue, “molti, oggi, pensano di poter vivere senza la fede. Questo è quanto la nostra cultura secolarizzata vuole farci credere. Ma nessuno pensa che sia possibile vivere senza speranza! Diventa quasi impossibile immaginare un mondo, una vita priva di speranza. L’annuncio della fede in Gesù Cristo, che è al centro della nuova evangelizzazione, è anche un’offerta di speranza al mondo. Fede e speranza sono in realtà intimamente collegate. Insomma, l'uomo è chiamato a scegliere in chi riporre la sua speranza: in un approccio tecnicistico e giuridico dell’economia che non è mai capace a dare origine ad una società umana viva? O nel paradosso dell’amore gratuito, che è dono della speranza riposta in Gesù e che abbatte egoismi nazionali e personali, che accoglie l’altro come amico e non come concorrente, e che dà valore a qualsiasi vita? Con le sue numerose attività, veri segni di speranza, la Chiesa in Europa cerca di rendere visibile la presenza di Gesù e mostrare come, anche oggi, sia possibile trovarlo”.

Parteciperanno all’incontro anche il segretario della Federazione delle Conferenze Episcopali dell’Asia (FABC), P. Raymond O’ Toole, e il segretario dell’assemblea dei vescovi cattolici della Terra Santa, P. Pietro Felet. Entrambi gli ospiti informeranno i partecipanti della situazione dei cristiani nelle loro rispettive aere geografiche.

I lavori si concluderanno domenica 30 giugno con la Messa celebrata insieme alla comunità locale nella cattedrale della capitale polacca e presieduta dal Nunzio Apostolico, mons. Celestino Migliore.