Francesco richiama il parroco di Sant'Alfonso Maria de' Liguori: "Grazie per la bella giornata!"

Ancora gioia e stupore nella parrocchia romana per la visita del Papa al presepe vivente il giorno dell'Epifania. E Bergoglio conferma: "Sono stato molto bene"

Roma, (Zenit.org) Salvatore Cernuzio | 589 hits

Evidentemente la visita al presepe vivente della parrocchia di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori ha davvero colpito Papa Francesco. Tanto che il Pontefice, il giorno successivo, ha telefonato nuovamente al parroco don Dario Pompeo Cruscuoli per ringraziarlo dell’accoglienza e del fervore spirituale dei parrocchiani.

“È stata una chiamata semplice, di pochi minuti”, racconta a ZENIT don Dario, “il Papa mi ha telefonato martedì pomeriggio, all'indomani della visita, e mi ha detto: ‘Grazie per la bella giornata, sono stato molto bene’”. “Non me l’aspettavo – prosegue il sacerdote - naturalmente mi ha fatto piacere. Perché è sempre bello vedere caratteristiche come la cordialità, l’educazione, la semplicità in una persona”. A maggior ragione se si tratta del Pontefice della Chiesa universale.

D’altronde, osserva don Dario, Papa Francesco “non fa altro che seguire le orme di Gesù: fa quello che Lui ha già fatto. Noi siamo persone che hanno bisogno continuamente di attenzione, e Cristo è stato attento alle nostre debolezze e necessità, per questo è intervenuto”. In egual modo, il Santo Padre “si rende vicino a tutti”. Bergoglio stesso, nella telefonata in cui annunciava il suo arrivo nella chiesa in zona Giustiniana, ha confidato al parroco di accettare l’invito perché “era contento di trascorrere il pomeriggio dell’Epifania in mezzo alla gente”.

La visita di lunedì, poi - come tutti i media del mondo hanno mostrato – è stato un pomeriggio memorabile: difficilmente si dimenticheranno le foto di Bergoglio in stile “buon pastore”, che prende timoroso ma contento un agnellino sulle spalle. Per non parlare dei numerosi aneddoti avvenuti durante il tour nella Betlemme in miniatura ricostruita sul piazzale di Sant’Alfonso.

Francesco ha dato il meglio di sé all’interno della monumentale sacra rappresentazione. Ai lavoratori del presepe che, su ordine del parroco, si sono fatti trovare all’opera al suo arrivo, ha detto: “Oggi è festa, non si lavora!”. Ad un falegname che gli ha porto il suo bastone, ha domandato: “Questo lo devo usare per condurre o per bastonare qualcuno?”. E, dopo aver assaggiato un pezzo di ricotta e le ciliegie che i figuranti gli offrivano dalle loro botteghe, il Pontefice ha sussurrato all’orecchio di don Dario: “Questi pastori non pensano certo al mio stomaco…”.

“È una persona normale, semplice”, commenta Criscuoli, “appena mi ha visto mi ha detto: ‘Tu sei pazzo per aver messo in piedi tutto questo, ma certe pazzie piacciono molto a Dio’”.“Quello che mi ha colpito – racconta ancora a ZENIT – è che il Santo Padre era evidente che non fosse riposatissimo. La giornata dell’Epifania, tra la Messa della mattina e l’Angelus, non era certo tra le più ‘leggere’. Nonostante questo, non si è fermato un attimo, ha parlato con ognuno dei figuranti del presepe, dai pastori agli angeli. C’erano diverse donne incinta, e ha benedetto la pancia di ognuna”. In particolare, prosegue don Dario, ad una ragazza in attesa che gli ha manifestato la sua paura ad avere figli, anche per la giovane età, Bergoglio ha detto: “Parla con la Vergine Maria, lei è mamma, ti darà la grazia e ti ispirerà a fare la volontà di Dio”.

Nonostante fosse venuto giusto per visitare il presepe, il Santo Padre si è comunque soffermato a salutare i malati e a dialogare con i bambini nelle zone d’accoglienza allestite nel parcheggio della parrocchia. “Non ha trascurato nessuno, ha dato una parola a tutti e anche in maniera spiritosa”, afferma il parroco, raccontando un altro curioso aneddoto: “Io provengo da una famiglia molto numerosa, siamo cinque figli, e tra mogli e nipoti, arriviamo a 26. Quando ci siamo presentati al Papa, la prima cosa che ha chiesto a mia mamma è stata: ‘Signora, è lei che cucina quando siete tutti riuniti? E quanti chili di pasta mette?’”.

Insomma, davvero “una bella giornata” a tu per tu con il Successore di Pietro, oltre che un bel regalo che don Dario, parroco da circa un anno e mezzo, ha fatto ai suoi parrocchiani. I quali “sono ancora attoniti” e chiedono al sacerdote: “Ma è stato tutto vero? Realmente il Papa è venuto qui?”. In quest’atmosfera di gioia, Sant’Alfonso Maria de’ Liguori riproporrà il presepe vivente anche domenica 13 gennaio, dalle 16 alle 21. “Lo rifaremo – conclude il parroco – perché, dopo essere stato benedetto da Papa Francesco, non si contano più le richieste di persone che desiderano vederlo”.