Giovanni Paolo II consegnerà martedì prossimo il pallio a 44 arcivescovi

Simbolo di particolare vicinanza al Papa

| 329 hits

CITTA’ DEL VATICANO, domenica, 27 giugno 2004 (ZENIT.org).- Martedì 29 giugno, Solennità degli apostoli San Pietro e Paolo, Giovanni Paolo II imporrà il pallio a quarantaquattro Arcivescovi metropoliti alle 18 in Piazza San Pietro.



Il pallio, una stola di lana bianca poggiante sulle spalle e ricadente in avanti sul petto, viene portata dagli arcivescovi nelle celebrazioni eucaristiche, come simbolo della pecorella smarrita, salvata e posta sulle spalle del Buon Pastore, a prezzo della vita, come testimoniano le sei croci nere di seta ricamate sul pallio, come memoriale della sua Passione.

La lana della quale è fatto il pallio proviene da due agnelli allevati dai monaci trappisti della comunità delle Tre Fontane, a Roma. Dopo la benedizione del Papa nel giorno di Santa Agnese (21 gennaio) gli agnelli vengono allevati dalle religiose benedettine della comunità romana di Santa Cecilia.

Il Martedì Santo gli agnelli vengono tosati e la lana, preparata dalle religiose, viene utilizzata per confezionare i pallii che in seguito, nel giorno di San Giovanni Battista, verranno portati in Vaticano per essere conservati in un piccolo scrigno posto sulla tomba dell’Apostolo in San Pietro.

Il pallio simboleggia la potestà che, in comunione con la Chiesa di Roma e con il Successore di Pietro, il Metropolita acquista di diritto nella propria giurisdizione.

I nuovi Arcivescovi metropoliti nominati nell’ultimo anno che riceveranno il pallio sono:

- Card. Justin Francis RIGALI, Arcivescovo di Philadelphia (Stati Uniti d’America)

- Mons. Robert ZOLLITSCH, Arcivescovo di Freiburg im Breisgau (Repubblica Federale di Germania)

- Mons. Sean Patrick O’MALLEY, O.F.M. Cap., Arcivescovo di Boston (Stati Uniti d’America)

- Mons. Hans-Josef BECKER, Arcivescovo di Paderborn (Repubblica Federale di Germania)

- Mons. Ramon Benito DE LA ROSA Y CARPIO, Arcivescovo di Santiago de Los Caballeros (Repubblica Dominicana)

- Mons. André LACRAMPE, Arcivescovo di Besançon (Francia)

- Mons. Valerian OKEKE, Arcivescovo di Onitsha (Nigeria)

- Mons. Gaudencio Borbon ROSALES, Arcivescovo di Manila (Filippine)

- Mons. Alano Maria PENA, O.P.Arcivescovo di Niterói (Brasile)

- Mons. Joseph Mitsuaki TAKAMI, P.S.S.Arcivescovo di Nagasaki (Giappone)

- Mons. Henry Joseph MANSELL, Arcivescovo di Hartford (Stati Uniti d’America)

- Mons. Kevin John Patrick McDONALD, Arcivescovo di Southwark (Gran Bretagna)

- Mons. José Luis CHÁVEZ BOTELLO, Arcivescovo di Antequera, Oaxaca (Messico)

- Mons. Fulgence RABEONY, S.I., Arcivescovo di Toliara (Madagascar)

- Mons. Joseph Edra UKPO, Arcivescovo di Calabar (Nigeria)

- Mons. Michel MÉRANVILLE, Arcivescovo di Fort-de-France (Martinica)

- Mons. Matias Patrício DE MACÊDO, Arcivescovo di Natal (Brasile)

- Mons. Juan Antonio UGARTE PÉREZ, Arcivescovo di Cuzco (Perù)

- Mons. José Paulino RÍOS REYNOSO, Arcivescovo di Arequipa (Perù)

- Mons. Raymond Leo BURKE, Arcivescovo di Saint Louis (Stati Uniti d’America)

- Mons. Carlo CAFFARRA, Arcivescovo di Bologna (Italia)

- Mons. Edoardo MENICHELLI ,Arcivescovo di Ancona – Osimo (Italia)

- Mons. Joseph CHENG TSAI-FA, Arcivescovo di Taipei (Taiwan)

- Mons. Raymond ROUSSIN, S.M., Arcivescovo di Vancouver (Canada)

- Mons. Lawrence Aloysius BURKE, S.I., Arcivescovo di Kingston in Jamaica (Giamaica)

- Mons. Patrick PINDER, Arcivescovo di Nassau (Bahamas)

- Mons. João BRAZ DE AVIZ, Arcivescovo di Brasilia (Brasile)

- Mons. Walmor OLIVEIRA DE AZEVEDO, Arcivescovo di Belo Horizonte (Brasile)

- Mons. Raymundo DAMASCENO ASSIS, Arcivescovo di Aparecida (Brasile)

- Mons. Roland MINNERATH, Arcivescovo di Dijon (Francia)

- Mons. Władisław ZIÓŁEK, Arcivescovo di Łódz (Polonia)

- Mons. Joseph Augustine CHARANAKUNNEL, Arcivescovo di Raipur (India)

- Mons. Pietro COCCIA, Arcivescovo di Pesaro (Italia)

- Mons. Marie Daniel DADIET, Arcivescovo di Korhogo (Costa d’Avorio)

- Mons. Jean-Charles DESCUBES, Arcivescovo di Rouen (Francia)

- Mons. Marian GOŁEBIEWSKI, Arcivescovo, di Wrocław (Polonia)

- Mons. Luiz MANCILHA VILELA, SS.CC., Arcivescovo di Vitória (Brasile)

- Mons. Diarmuid MARTIN, Arcivescovo di Dublino (Irlanda)

- Mons. Aldo DI CILLO PAGOTTO, S.S.S., Arcivescovo di Paraíba (Brasile)

- Mons. Ramon C. ARGÜELLES, Arcivescovo di Lipa (Filippine)

- Mons. Moacyr José VITTI, C.S.S., Arcivescovo di Curitiba (Brasile)

- Mons. Robert Christopher NDLOVU, Arcivescovo di Harare (Zimbabwe)

- Mons. Bruno GAMBERINI, Arcivescovo di Campinas (Brasile)

- Mons. Mílton Antônio DOS SANTOS, S.D.B., Arcivescovo di Cuiabá (Brasile)

Secondo quanto si legge in una nota dell’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice, oltre a questi 44 Arcivescovi, altri otto riceveranno il pallio nello loro rispettive sedi metropolite: Mons. Aloysius SUDARSO, S.C.I., Arcivescovo di Palembang (Indonesia); Mons. Hubert CONSTANT, O.M.I., Arcivescovo di Cap-Haïtien (Haiti); Mons. Evarist PINTO, Arcivescovo di Karachi (Pakistan); Mons. Nicolaus Adi SEPTURA, M.S.C., Arcivescovo di Merauke (Indonesia); Mons. José DE QUEIRÓS ALVES, C.SS.R., Arcivescovo di Huambo (Angola); Mons. Anthony ANANDARAYAR, Arcivescovo di Pondicherry e Cuddalore (India); Mons. Maria Callist SOOSA PAKIAM, Arcivescovo di Trivandrum dei Latini (India); Mons. Lluís MARTÍNEZ SISTACH, Arcivescovo di Barcelona (Spagna).