Giovanni Paolo II: Cristo sulla Croce, risposta di Dio all’interrogativo sul male

Discorso introduttivo all’Angelus

| 599 hits

CASTEL GANDOLFO, domenica, 19 settembre 2004 (ZENIT.org).- Pubblichiamo di seguito per intero il discorso pronunciato da Giovanni Paolo II ad introduzione della preghiera mariana dell’Angelus, recitata insieme ai fedeli e ai pellegrini presenti nel Cortile interno del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo.




* * *


1. Dinanzi al male, che in varie forme si manifesta nel mondo, l’uomo, afflitto e sconcertato, si domanda: "Perché?".

In quest’alba del terzo millennio, benedetta dal Grande Giubileo e ricca di tante potenzialità, l’umanità è segnata dallo sconvolgente dilagare del terrorismo. Il susseguirsi di atroci attentati alla vita umana turba ed inquieta le coscienze e suscita nei credenti la sofferta domanda che ricorre nei Salmi: "Perché, Signore? Fino a quando?".

2. Dio ha risposto a questo angoscioso interrogativo che si sprigiona dallo scandalo del male non con una spiegazione di principio, quasi a volersi giustificare, ma con il sacrificio del proprio Figlio sulla Croce. Nella morte di Gesù s’incontrano l’apparente trionfo del male e la vittoria definitiva del bene; il momento più buio della storia e la rivelazione della gloria divina; il punto di rottura e il centro di attrazione e di ricomposizione dell’universo. "Io - disse Gesù - quando sarò elevato da terra, attirerò tutti a me" (Gv 12,32).

La Croce di Cristo è per i credenti icona di speranza, perché su di essa si è compiuto il disegno salvifico dell’amore di Dio. Per questo la liturgia qualche giorno fa ci ha invitato a celebrare l’esaltazione della Santa Croce, una festa da cui il credente trae conforto e coraggio.

3. Con lo sguardo rivolto al Cristo crocifisso, in spirituale unione con la Vergine Maria,
proseguiamo il nostro cammino, sostenuti dalla potenza della Risurrezione.

[Al termine della preghiera dell’Angelus il Papa ha rivolto i seguenti saluti:]

Saluto i pellegrini di lingua italiana, in particolare la delegazione della Regione Molise all’apertura ufficiale dell’anno scolastico; il Parroco, i chierichetti e i loro familiari della parrocchia di San Giorgio Martire in Victoria, Gozo, Malta; e il gruppo dell’Opera della Chiesa. In occasione della Giornata Mondiale dell’Alzheimer, assicuro la mia preghiera a tutti i malati e a quanti li assistono.

A tutti auguro una buona domenica.