Giovanni Paolo II: il Natale è Gesù che viene

Discorso introduttivo all’Angelus nella domenica “Gaudete”

| 1912 hits

CITTA’ DEL VATICANO, domenica, 12 dicembre 2004 (ZENIT.org).- Pubblichiamo di seguito il discorso pronunciato da Giovanni Paolo II ad introduzione della preghiera mariana dell’Angelus, recitata insieme ai fedeli e ai pellegrini convenuti in Piazza San Pietro.



Ad essere presenti questa domenica erano anche i numerosi bambini e ragazzi, accompagnati dai loro genitori, giunti per la benedizione dei "Bambinelli" destinati ai Presepi delle parrocchie, delle scuole e delle famiglie romane.

* * *


1. Si avvicina la festa del Natale e in molti luoghi è già in allestimento il presepe, come qui in Piazza San Pietro. Piccolo o grande, semplice o elaborato, il presepe costituisce una familiare e quanto mai espressiva rappresentazione del Natale. È un elemento della nostra cultura e dell’arte, ma soprattutto un segno di fede in Dio, che a Betlemme è venuto "ad abitare in mezzo a noi" (Gv 1,14).

2. Come ogni anno, tra poco benedirò i Bambinelli, che nella Notte Santa verranno collocati nei presepi, dove si trovano già san Giuseppe e la Madonna, silenziosi testimoni d’un sublime mistero. Con il loro sguardo d’amore essi ci invitano a vegliare e pregare per accogliere il divino Salvatore, il quale viene a recare al mondo la gioia del Natale.

3. Questa stessa gioia ci esorta a pregustare l’odierna terza domenica di Avvento, chiamata domenica “Gaudete”. Domandiamo alla Vergine dell’attesa che sia vivo nei cristiani e in tutti gli uomini di buona volontà il desiderio di incontrare il Signore ormai vicino.

[Al termine della preghiera dell’Angelus il Papa ha rivolto le seguenti parole:]

Si celebra oggi, nella Diocesi di Roma, la Giornata per la costruzione di nuove chiese nelle periferie. In questi ultimi anni ben 54 comunità hanno potuto avere una nuova chiesa, ma almeno altre 20 restano ancora in attesa. Incoraggio pertanto ad essere generosi, perché tutti possano trovare un luogo in cui crescere nella fede e nella vita cristiana.

Ricordo inoltre che martedì prossimo, 14 dicembre, alle ore 17 e 30, nella Basilica di San Pietro presiederò la santa Messa per gli universitari degli Atenei romani. Invito tutti ad unirsi a questa celebrazione.

Saluto infine i pellegrini presenti, in particolare i ragazzi di Roma con i loro "Bambinelli", la Corale Monteverdi della Val di Non, il Coro giovanile diocesano di Alessandria e i fedeli di Fiano Romano.

Auguro a tutti una buona domenica.