Grande successo per il convegno organizzato da SO.LE.VOL.

Oltre 60 rappresentanti di enti associativi di Lecco hanno partecipato all'incontro del 6 ottobre sul tema "Opportunità e strumenti per l'autofinanziamento e la crescita delle organizzazioni no-profit"

Roma, (Zenit.org) | 259 hits

Si è tenuto venerdì 11 ottobre, presso il CIS Centro Studi d’Impresa a Valmadrera, il convegno organizzato dal So.Le.Vol. dal titolo “Opportunità e strumenti per l’autofinanziamento e la crescita delle organizzazioni no-profit”. Sala gremita per l’appuntamento che ha visto la partecipazione di oltre 60 rappresentanti degli enti associativi della Provincia di Lecco.

“Sono stati toccati dei temi fondamentali di altissimo livello che hanno un’utilità tangibile per gli operatori del sistema sociale lecchese” così ha commentato il convegno Giacomo Corno, Presidente del CIS, che è intervenuto in apertura dei lavori. All’evento è intervenuto Giorgio Gotti, Presidente CSVnet Lombardia, il quale ha mappato la situazione del Volontariato regionale: “In una società frammentata dal futuro incerto, il nostro compito è creare delle comunità solidali dove il riconoscimento sia reciproco, la solidarietà più efficiente, il benessere per tutti. Per far ciò è sostanziale che gli enti no profit prestino la dovuto attenzione non solo all’operato sociale ma anche agli aspetti finanziari, economici e strutturali dell’associazione. E’ dunque sostanziale che gli enti, per reperire le risorse necessarie, lavorino in sinergia, guardando alla relazione con il mondo for profit e delle professioni per dare continuità e futuro alle proprie iniziative e superare il rischio di autoreferenzialità insito nelle attività di volontariato”.

Al convegno era presente anche Marco Morganti, Amministratore Delegato di Banca Prossima, il quale ha illustratore le caratteristiche dell’ente specializzata nel servizio al mondo non profit che oggi destina almeno il 50% degli utili a un fondo (oggi 24 milioni di €) che garantisce il credito alle ONP minori. In rappresentanza della Fondazione della provincia di Lecco in chiusura ha preso la parola il Segretario generale Emilio Amigoni il quale ha messo in evidenza la necessità stimolare la cultura del dono quale modalità per esercitare quella responsabilità sociale che consideriamo un dovere di ogni cittadino e di ogni soggetto operante nella società civile.

“Il futuro del territorio in cui operiamo necessità della promozione di sinergie concrete che partano dalla condivisione di esigenze ed obiettivi fra il Terzo settore, il mondo produttivo e le Istituzioni locali. La collaborazione e il coinvolgimento del volontariato nella lettura dei bisogni sociali, nella stesura dei Piani di Zona 2012/2014, lo sviluppo della co-progettazione quale strumento utile allo sviluppo dei nuovi servizi, stanno a testimoniare il salto di qualità del fare del nostro Welfare locale – dichiara Angelo Vertemati, Presidente del So.Le.Vol. – Da tempo il contesto ci costringe a pensare e progettare con risorse scarse da un lato e a constatare dall’altro, un ruolo sempre più pregnante delle associazioni per sopperire alle esigenze dei cittadini fragili del territorio”.

“Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto e speriamo di aver offerto agli ospiti del convegno un momento di analisi e approfondimento sui modi in cui le associazioni di volontariato del territorio provinciale possono essere sostenute dal mondo del credito – ha concluso Vertemati, a chiusura del convegno – il riscontro avuto è emblematico della necessità di riformare il welfare a partire dalle esigenze territoriali”.