"Guardare con occhi nuovi la terra"

Domenica 30 settembre ad Altino, con il Patriarca Moraglia, la Festa del Creato

| 870 hits

VENEZIA, venerdì,  28 settembre 2012 (ZENIT.org).- Contiene un’affermazione che, insieme, è un invito e un impegno: “Guardare con occhi nuovi la terra”. E’ il motto che accompagna l’edizione 2012 della Festa diocesana del Creato che avrà luogo nell’intera giornata di domenica 30 settembre ad Altino, promossa dal Servizio pastorale per gli Stili di Vita e alla presenza - in mattinata, per la celebrazione della messa prevista alle ore 11.00 - del Patriarca mons. Francesco Moraglia. Sarà una giornata tutta all’insegna della condivisione, della riflessione e della preghiera.

La terra - ad iniziare dal proprio territorio - va guardata con occhi nuovi, spiega l’incaricato don Gianni Fazzini: «Pensiamo si tratti di un esercizio di fede e per questo guardiamo, in particolare, al modo in cui Gesù parlava del regno di Dio attraverso immagine tratte dal mondo agricolo. Il suo era uno sguardo di fede... Noi vogliamo vedere Dio che sta lavorando nella nostra realtà di Venezia, della nostra diocesi, della nostra Italia. "Cerco il tuo volto, Signore" e lo cerco guardando la terra. E' un modo anche questo per avvicinarsi all'anno della fede. Non siamo gli ambientalisti cattolici dell'ultima ora, ma siamo i discepoli di Gesù: come Gesù si rapportava al creato così vogliamo fare anche noi». Sarà, quindi, la messa delle ore 11.00 presieduta dal Patriarca mons. Francesco Moraglia a dare avvio alla Festa del Creato che si svilupperà poi, attraverso vari momenti, lungo tutto l’arco della giornata domenicale.

A partire dalle 12.15 ci sarà il pranzo condiviso: l'organizzazione offrirà la pasta mentre i secondi, i contorni e i dolci saranno portati dai partecipanti e messi in comune. Alle 13.30 inizierà il programma di animazione, a cura di Laura Elia dell'associazione Parole animate, rivolto a bambini e ragazzi, secondo tre programmi diversificati in base all'età (materne, elementari e medie), ma su un tema unico che ricalca quello della giornata. Gli adulti, invece, a partire dalle 14.00 si ritroveranno nell'arena che verrà allestita nell'area archeologica nord, dietro la canonica. Sono previsti gli interventi - oltreché dello stesso don Fazzini - di Francesca Fattore, docente della Scuola biblica diocesana, di Franco Zecchinato, di Aiab Veneto (Associazione italiana per l'Agricoltura biologica) e di Gianni Tamino, biologo padovano. Al termine, alle ore 17.00, si terrà un incontro di preghiera ecumenico, organizzato insieme al Consiglio locale delle Chiese cristiane di Venezia; la predicazione sarà tenuta da p. Avram Matei, della locale Chiesa ortodossa romena; animerà la liturgia un coro di donne romene. Saranno anche benedetti i frutti e il pane che verranno consumati durante la successiva e conclusiva  merenda equosolidale che unirà grandi e piccoli.

Durante il giorno, inoltre, sarà gratuito l'ingresso al Museo archeologico nazionale di Altino, in occasione delle Giornate europee del Patrimonio.

* Per informazioni e iscrizioni (è anche previsto un servizio pullman gratuito, su prenotazione):
segreteria@veneziastilidivita.it