I bambini degli oratori di Roma in festa alla basilica di Don Bosco

Mons. Selvadagi e il Sindaco di Roma, Marino, parteciperanno domani all'evento natalizio del COR

Roma, (Zenit.org) | 381 hits

Torna l’appuntamento natalizio degli oratori di Roma con la tradizionale Festa della Riconoscenza, idea originale del Centro Oratori Romani che da moltissimi anni convoca i bambini e i catechisti delle parrocchie romane per un intenso momento celebrativo e per una mattinata al cinema. Come sempre l’appuntamento è per domani 28 dicembre a partire dalle ore 9.00 presso la basilica romana dedicata a S. Giovanni Bosco, il santo che ha donato nuovo impulso alla pastorale oratoriana nel nostro paese.

La S. Messa verrà quest’anno celebrata da Mons. Paolo Selvadagi, vescovo ausiliare del settore Ovest della Diocesi di Roma. Centinaia di bambini e ragazzi, accompagnati dai loro animatori e da molti genitori affolleranno la chiesa per ringraziare Dio per l’anno appena trascorso, ricco di iniziative e di momenti formativi e giocosi, per poi spostarsi presso un vicino cinema per la visione del film natalizio “Frozen”.

All’appuntamento quest’anno ha annunciato la sua presenza anche il Sindaco di Roma, Ignazio Marino. Il Centro Oratori Romani rappresenta una importante realtà romana per la pastorale oratoriana da quasi 70 anni, seguendo l’esempio del catechista laico Arnaldo Canepa per il quale è in corso il processo di canonizzazione. Aderiscono al COR una quarantina di oratori parrocchiali, ma molti altri usufruiscono dei servizi dell’associazione sia per quanto riguarda la formazione dei giovani animatori sia per l’organizzazione di eventi cittadini come la recentissima Benedizione dei Bambinelli e la Festa degli Oratori estivi che hanno radunato nell’ultimo anno migliaia di bambini.

Gli oratori rappresentano sempre di più per moltissime famiglie un luogo sicuro a cui affidare i propri figli specie nelle vacanze scolastiche come quelle natalizie o estive ma anche per far vivere loro un percorso annuale di formazione e di gioco insieme a centinaia di giovani animatori che sacrificano il loro tempo libero per occuparsi in maniera significativa dei più piccoli.