I bambini festeggiano con una torta il compleanno del Papa

Una festa per papa Francesco organizzata a sorpresa dai bambini, le famiglie, le suore ed i volontari del Dispensario pediatrico "Santa Marta"

Roma, (Zenit.org) Redazione | 545 hits

Con grande e gradita sorpresa, i bambini, le famiglie, le suore ed i volontari del Dispensario pediatrico "Santa Marta", hanno festeggiato in anticipo il compleanno del Papa con torta, candeline, canti di auguri e un pullover per regalo.

E’ accaduto stamane, alle ore 12.15, nell’Aula Paolo VI, il Santo Padre Francesco ha incontrato le Famiglie assistite dal Dispensario pediatrico "Santa Marta", assieme ai Volontari.

Ha riportato Radio Vaticana che dopo il saluto della Direttrice del Dispensario Suor Antonietta Collacchi, F.d.C., e la testimonianza di Elisabetta, una mamma peruviana, un gruppo di 9 bambini ha posizionato su un carrello dei cubi con lettere e immagini formando un ritratto del Papa con la scritta “Auguri”.

Diciannove bambini con indosso una maglietta bianca e una grande lettera gialla stampata sopra, hanno composto un gruppo in cui si poteva leggere “Auguri Papa Francesco”.

Poi è arrivata la torta con le candeline, i bambini cantavano la canzoncina “Tanti auguri papa Francesco”. Il Pontefice si è alzato, si è avvicinato ai bambini che gli giravano intorno, li ha paternamente accarezzati, baciati, ringraziati. Ha soffiato per spegnere le candeline ed ha ricevuto un pullover per regalo.   

Nonostante che il compleanno del Papa avverrà il 17 di dicembre (tra tre giorni) il Pontefice, totalmente a suo agio tra bambini e volontari, si è molto divertito ed ha detto:

“Vi ringrazio per questa visita! Ringrazio per l’amore che voi avete, la gioia di questi bambini, i doni, la torta… Che era bellissima! Dopo vi dirò se è buona o no, eh! Grazie tante! Che il Signore vi benedica!”.

Secondo quanto riportato da Radio Vaticana, Elisabetta una mamma peruviana che dal Dispensario ha ricevuto aiuto per il suo bambino, ha detto al Papa: “Che cosa dire del tuo sorriso? E’ così sorprendente che arriva al cuore di tutti, donandoci tantissima pace. Sappiamo quanto amore hai verso i bambini, specie verso quelli che hanno più bisogno. Al Dispensario ci sentiamo particolarmente privilegiati perché sappiamo di essere nel tuo cuore e nella tua mente. E siamo contenti perché, ogni giorno, ci aiuti ad incontrare Gesù. Caro Papa Francesco, questi nostri bambini ricevono oggi il più bel regalo di Natale che potessero immaginare: il tuo sorriso, una tua carezza, un tuo abbraccio”. 

E suor Antonietta Collacchi delle Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli ha spiegato la realtà del Dispensario fondato da Pio XI nel 1922: “La Divina Provvidenza non ci fa mancare il suo sostegno, moltiplicando ogni giorno, nelle nostre mani, la carità. Le nostre giornate sono scandite dalla gioia dell’essere cristiani, dalla luminosità di un sorriso e dal calore della riconoscenza e questo ci permette di poter ripetere – con la solidità dell’esperienza – alcune sue parole: ‘Il vero potere è il servizio’, per un cristiano ‘progredire’ significa ‘abbassarsi’, come ha fatto il Figlio di Dio. In questa prospettiva, noi lavoriamo per globalizzare la solidarietà e l’amore, invece dell’indifferenza e dell’egoismo”.