I guru della comunicazione premiano lo spot "più buono"

Il 3 dicembre, allUniversità LUISS di Roma, il Premio "San Bernardino per la pubblicità responsabile"

| 725 hits

ROMA, martedì, 20 novembre 2012 (ZENIT.org) – Può uno spot pubblicitario promuovere la visibilità di un prodotto e al contempo veicolare un messaggio sociale positivo? A questa domanda il Premio San Bernardino per la pubblicità socialmente responsabile risponde positivamente dal 2004, anno in cui l’ormai tradizionale selezione di spot e campagne pubblicitarie “etiche” prese vita a Massa Marittima, da un’idea dell’ex vescovo di Massa Marittima, ora vescovo di Massa-Carrara-Pontremoli, monsignor Giovanni Santucci.

Quest’anno, per la prima volta, la cerimonia di assegnazione del “San Bernardino” si sposta a Roma. Lunedì 3 dicembre, a partire dalle ore 9, nell’Aula 211 del Dipartimento di Scienze politiche dell’Università LUISS Guido Carli (Viale Romania 32), docenti universitari, giornalisti ed esperti di comunicazione e relazioni esterne assegneranno il “Premio San Bernardino” 2012 allo spot più efficace nella “social responsibility”, realizzato e andato in onda su tv e web, tra la fine del 2011 e l’anno in corso.

Dopo l’accoglienza del direttore generale della LUISS, Pier Luigi Celli, e l’introduzione di Michele Sorice, docente di Comunicazione politica nella stessa università, due sessioni di workshop, dedicate, la prima al tema “Dal valore in pubblicità ad una pubblicità di valore”, la seconda a “I linguaggi della pubblicità sociale”.

Al convegno interverranno: monsignor Melchor Sanchez de Toca y Alameda, sotto-segretario del Pontificio consiglio della Cultura; Gianluca Comin, direttore Relazioni esterne di Enel; Alberto Contri, presidente di Pubblicità Progresso; il giornalista Luca Collodi, direttore di rete di Radio vaticana 105 FM; Maurizio Marotta, presidente del consorzio COIN che gestisce il Contact Center di Inail-Superabile.

Il profilo semiotico degli spot verrà presentato da Paolo Peverini, professore di Semiotica dei media alla LUISS. Presiede l’evento Emiliana De Blasio, coordinatrice scientifica del Centre for Media and Communication Studies della LUISS.

Di seguito le sei campagne in competizione:

Grazie di cuore mamma

Procter & Gamble ha realizzato questo spot in occasione delle Olimpiadi di
Londra 2012 per ringraziare tutte le mamme degli sforzi che fanno per crescere i loro figli.

Integration day

In occasione della Giornata Mondiale sulla sindrome di Down (21 marzo 2012), CoorDown, in collaborazione con Saatchi & Saatchi, ha realizzato un progetto di comunicazione, composto da serie di spot che ricalcano la sceneggiatura di alcune pubblicità: di Averna, Carrefour, CartaSi, Enel, Illycaffè, Pampers e Toyota. Gli attori originali sono stati sostituiti da ragazzi con la sindrome di Down.

Timberland

La Timberland ha lanciato il nuovo Earthkeepers Traditional 6” Boot, una calzatura realizzata utilizzando il PET riciclato, ovvero il materiale proveniente dalle bottiglie di plastica riciclate.

Ferrovie dello Stato

Il Rifugio Caritas fa parte del progetto “Un Cuore in stazione”, ideato da Ferrovie dello Stato Italiane e da Enel Cuore Onlus, che ha consentito nell’arco del triennio 2008-2010 di potenziare la rete degli Help center e dei centri di accoglienza delle stazioni di Roma, Milano, Torino, Genova, Pescara, Napoli, Firenze, Catania, Messina e Melfi.

Ponte del sorriso Onlus

Per migliorare le condizioni di vita dei bambini all’interno degli ospedali pediatrici, il Ponte del Sorriso ha realizzato questa campagna, ideata da Saatchi & Saatchi, che vede protagonisti un gruppo di bambini, intervistati in un improbabile colloquio “casting” sull’economia e sulle energie rinnovabili.

Amref

Lo spot rilancia i temi nella campagna globale “Stand Up For African Mothers” (raccolta fondi per la formazione di 15.000 ostetriche entro il 2015), per il diritto alla salute delle donne africane, in particolare nel percorso che accompagna la loro maternità. Questa campagna è iniziata nel 2011.

*

Tutti gli spot selezionati possono essere visionati sul sito web www.premiosanbernardino.com.