Idee, proposte e pratiche per una nuova convivialità

Un manifesto della Fondazione Lanza per una rinnovata Etica civile

Roma, (Zenit.org) | 708 hits

Un forum nazionale di etica civile, il primo del genere, si terrà a Padova nei giorni 21 e 22 marzo 2013. Promotore di questo evento la Fondazione Lanza, che da oltre 25 anni si occupa di etica applicata e che negli ultimi tempi ha affrontato con particolare attenzione la questione dell’etica civile.

Dopo tre anni di lavoro, con un periodo preparatorio, incontri seminariali di approfondimento per gruppi e appuntamenti pubblici, ora, dedica il II Forum nazionale di etica applicata al tema dell’etica civile. Un ambito di particolare attualità e interesse viste le implicazioni nazionali e internazionali che comprende e la delicata congiuntura sociale economica ed ambientale che stiamo vivendo.

In preparazione al Forum nazionale che avrà come titolo Per un’etica civile. Idee, proposte e pratiche per una nuova convivialità, la Fondazione Lanza ha approntato un “Manifesto” che intende proporre alcune piste di riflessione. Il testo (disponibile nel sito della Fondazione: www.fondazionelanza.it) mette a tema alcune questioni prioritarie che saranno affrontate durante il Forum dove verrà illustrato un documento più articolato con l’intento di «suscitare e risvegliare quel “dibattito pubblico” che è il motore della formazione di ogni senso civico, specialmente nella vita democratica».

«Il manifesto – si legge nell’introduzione – è un’occasione di riflessione e di impegno da condividere con quanti si domandano come ritrovare le buone ragioni per vivere insieme in un tempo – come l’attuale – di frammentazione e prevalente contrapposizione. Nasce dall’esperienza, maturata in 25 anni di lavoro sul fronte della riflessione etica, che ha portato la Fondazione Lanza a considerare la civica concreta realtà locale e cifra di una convivenza su scala più ampia».

Il manifesto si articola quindi su tre punti: Un bene a rischio (la civitas); Ritrovare il civile, attraverso il recupero di parole comuni, buone pratiche, qualità relazionale, responsabilità, dialogo e centralità della Costituzione; Per coltivare un’etica civile, in cui si evidenziano alcuni “ambiti strategici” in cui l’etica civile mostra la sua rilevanza, richiamando perciò temi quali la sostenibilità (dalle città ai consumi e stili di vita), il bene salute, l’educazione al civile, la ricerca di pratiche comuni.

In attesa del Forum di marzo, la Fondazione Lanza rilancia i temi del Manifesto per creare un primo dibattito e accoglie volentieri contributi e riflessioni (da inviare a forumeticacivile@gmail.com).