Il Cancelliere Schröder sottolinea il merito del Papa nella riunificazione europea

| 132 hits

BERLINO, martedì 23 marzo 2004 (ZENIT.org).- Il cancelliere delle Repubblica federale tedesca, Gerhard Schröder, si è congratulato con Giovanni Paolo II per il premio straordinario “Carlo Magno” che il Santo Padre si appresterà a ricevere domani in Vaticano.



Una delegazione proveniente da Aquisgrana consegnerà al Pontefice il “Premio Internazionale Carlo Magno”, l’ambito riconoscimento, introdotto nel 1950 e attribuito ogni anno a personalità ed istituzioni che promuovono in modo eminente gli sforzi per l’unificazione dei popoli europei e si impregnano nel mantenimento della pace, della democrazia e dell’ordine sociale.

“Il primo maggio di quest’anno – ha detto Gerhard Schröder in un comunicato stampa apparso ieri – è una data storica”. Poichè “la dolorosa divisione del Continente europeo è finita. Saluteremo nell’Unione Europa dieci nuovi Stati membri - per lo più dell'Europa orientale e centrale”.

“La fede, che anima molte persone di quegli stessi paesi, ha dato ai cittadini il coraggio e la forza di superare i regimi comunisti e di attuare delle difficili riforme", ha affermato sempre il cancelliere tedesco.

“E’ stato un merito straordinario l’avere contribuito in qualità di capo della Chiesa cattolica ad indicare, come un uomo di Stato, la strada per questa pacifica riunificazione dell'Europa. Lei - si legge ancora nel messaggio - ha cercato instancabilmente i contatti, è andato oltre i confini, ha promosso il dialogo agendo autorevolmente come un costruttore di ponti fra l’Est e l’Ovest”.

Il ''Suo chiaro impegno per la pace, i diritti umani, la solidarietà e la giustizia sociale ha influenzato gli eventi politici in vario modo'. Riferendosi, in seguito, al dibattito sulla bozza di Costituzione Europea, Schröder ha affermato che con essa l'Ue cerca un ''solido fondamento'' affinchè ''le future generazioni e la gioventù, che Le sta tanto a cuore”, possano avere una “base sicura per continuare sulla strada intrapresa della pace e del benessere”.

Alla cerimonia della consegna del premio, animata dal Coro dei Pueri Cantores, che avverrà nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico, alle ore 17.00, prenderanno parte il sindaco di Aquisgrana, Jürgen Linden, che nel suo discorso illustrerà le motivazioni del premio, prima di procedere alla consegna al Papa del riconoscimento.

Della delegazione tedesca presente in Vaticano per la cerimonia il vescovo di Aquisgrana, monsignor Heinrich Mussinghoff, esponenti politici federali e regionali, alcuni vincitori precedenti del Premio, tra i quali l’ex presidente tedesco Walter Scheel.

Ad essere stati invitati all’evento, che secondo quanto riferito da “Radio Vaticana” vedrà la presenza di circa 140 ospiti, anche il ministro federale Johannes Rau e lo stesso Gerhard Schröder.