Il Caravaggio riscoperto resterà a Legoli fino al 28 ottobre

L'esposizione di "Il Sacrificio di Isacco (a lume di notte)" viene prorogata di una settimana

| 1089 hits

PECCIOLI, mercoledì, 17 ottobre 2012 (ZENIT.org).- L'esposizione di “Il Sacrificio di Isacco (a lume di notte)” si è rivelata un grande successo di pubblico: oltre 250 visitatori al giorno dall’apertura a oggi hanno “invaso” il centro del borgo medievale di Legoli per vedere il capolavoro di Michelangelo Merisi. Per questo la Fondazione Peccioli per l’Arte, unitamente al Comune di Peccioli e alla Belvedere Spa, ha deciso di prorogare di una settimana la durata dell'evento, e quindi l’opera rimarrà nella Chiesa dei Santi Bartolomeo e Giusto fino al 28 ottobre.

La mostra, inserita nel ciclo di eventi pecciolesi dedicati a Caravaggio che vedono la regia dell’architetto Alberto Bartalini e la curatela generale di Ilario Luperini, ha visto sviluppare intorno a sé una serie di eventi eccezionali, a partire dalle mostre personali (sempre dedicate a Caravaggio) di Stefano Stacchini e Renato Frosali, entrambi artisti esposti al Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011.

Affogati alla frutta” il titolo dell’esposizione di Stacchini presso la struttura dei “Lavatoi Pubblici” di Legoli, “Caravaggio Sottointonaco” quella di Frosali presso “La Fattoria”, altro edificio appena recuperato e messo a disposizione del Paese. Anche queste promosse inizialmente fino al 21 ottobre, verranno protratte sino al 28 ottobre 2012. E ancora lo spettacolo teatrale di Malatheatre, che ha messo in scena i tableaux vivant di decine di opere di Caravaggio; e ancora la lectio magistralis che ha visto come protagonista il professor Raymond Ward Bissell, docente di storia dell’arte presso l’Università del Michigan di Ann Harbor, venuto appositamente da oltreoceano per tenere una conferenza a Legoli.

“Il Sacrificio di Isacco (a lume di notte)”, proveniente da una raccolta di Napoli, passò per una vendita di Christie’s a Roma il 13 aprile 1989 quale “copia di Caravaggio”. Le pessime condizioni della tela, a causa delle vernici ossidate, impedivano uno studio accurato. Fu Maurizio Marini, a seguito di dettagliate indagini a raggi x e dopo una prima pulitura del quadro, a scoprire che il dipinto era un capolavoro di Michelangelo Merisi. Questa tesi venne poi sostenuta da molti dei più autorevoli studiosi di Caravaggio. L’opera attualmente fa parte della collezione Cremonini di Modena, ed è già stata esposta in importanti mostre, tra le quali va ricordata quella trapanese, curata proprio da Sir Denis Mahon, Caravaggio.

'immagine del divino (Museo Regionale di Palazzo Pepoli, 2008). Successivamente è stata esposta a Varese (Musei Civici di Villa Mirabello, 2008), a Malta (Galleria Archeologica Nazionale, 2009) a Castelvetro (Oratorio di Sant'Antonio da Padova, 2009) e a S. Maria Tiberina (Museo Civico del Castello Bourbon del Monte, 2010).

«Un’affluenza del genere davvero non ce la aspettavamo – commenta il Presidente di Belvedere Spa Renzo Macelloni – ci eravamo ripromessi di non “sforare” con i tempi e chiudere la mostra nel giorno previsto, ma la gente vuole che non sia così, e noi dobbiamo accontentarli. Il successo di questa iniziativa significa che un nuovo modello di sviluppo del territorio è possibile, e che dobbiamo continuare a valorizzarlo. Penso per esempio alla meravigliosa cappella di Santa Caterina con gli affreschi di Benozzo Gozzoli: in questi giorni chi ha visto il Caravaggio ha avuto l’occasione di visitarla, e chiunque è rimasto colpito. Abbiamo un tesoro in casa, non dimentichiamocelo».

*

La notte di Caravaggio:
“Il Sacrificio di Isacco (a lume di notte)”
Chiesa dei Santi Bartolomeo e Giusto di Legoli, Peccioli (PI)

Orari e date di apertura:
prorogata fino al 28 ottobre 2012

dalle 16.00 alle 22.00
Ingresso: 5 euro

Info e prenotazioni:
info@fondarte.peccioli.net

www.fondarte.peccioli.net

Sconti, promozioni e aperture straordinarie per gruppi superiori a 20 persone e istituti scolastici solo su prenotazione.

Ufficio stampa:
Arthemisia Contemporary

Nicolas Ballario
Palazzo Montoro - Via di Montoro 4
00186 Roma
nb@arthemisia.it
skype: nicolas.ballario - www.arthemisia.it