Il Card. Kasper non ha mai voluto abolire il celibato sacerdotale

"I tempi sono cambiati" da quando chiese uno studio sul tema nel 1970

| 2499 hits

ROMA, martedì, 8 febbraio 2011 (ZENIT.org).- Il Cardinale Walter Kasper, Presidente emerito del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, ha affermato che “i tempi sono cambiati” da quando ha chiesto uno studio sulla necessità del celibato obbligatorio per i sacerdoti, nel 1970, e ha ribadito di non aver mai chiesto l'abolizione di questa pratica della Chiesa.



Il porporato firmò come l'attuale Papa, Joseph Ratzinger, un memorandum ai Vescovi tedeschi di un gruppo di nove teologi, tra cui Karl Rahner, Otto Semmelroth e Karl Lehmann, chiedendo uno studio sull'obbligatorietà del celibato.

In alcune dichiarazioni all'agenzia portoghese Ecclesia, il Cardinale ha chiarito che l'intenzione era quella di “discutere” la questione, ma senza alcuna proposta di “abolire” questa disciplina ecclesiale.

“Nel frattempo si è discusso molto, ci sono stati tre Sinodi mondiali che hanno parlato del celibato e si è deciso di mantenere questa disciplina, e io stesso credo che il celibato sia un bene per la Chiesa”, ha segnalato il Cardinale.

Nell'ultima settimana, più di 140 teologi cattolici di università tedesche, svizzere e austriache hanno sottoscritto una petizione - “Chiesa 2011: un rinnovamento indispensabile” - chiedendo una riforma di fondo della Chiesa e affrontando, tra le altre questioni, la fine del celibato obbligatorio per i sacerdoti.

Il documento è stato diffuso il 4 febbraio dal quotidiano tedesco “Süddeutsche Zeitung”.

Il Cardinale Kasper ha ammesso che la discussione “non è mai chiusa”, ma ha sottolineato che la decisione della Chiesa in materia “è presa” e che l'attuale Papa non pensa di “cambiare questa disciplina” del celibato obbligatorio.

Il porporato si è recato in questi giorni a Lisbona per ricevere la laurea “honoris causa” conferitagli dall'Università Cattolica Portoghese (UCP), dicendosi “onorato” che gli sia stata attribuita.

Monsignor José Policarpo, Cardinal-Patriarca di Lisbona e gran cancelliere dell'UCP, ha riferito a Ecclesia che il Cardinale tedesco ha rimarcato “lo studio della religione, della teologia come cultura, come uno sforzo continuo di pensare l'uomo e la realtà in chiave cristiana”.

Il Cardinale Kasper è stato nominato nel 2001 da Papa Giovanni Paolo II Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, incarico che ha ricoperto fino al luglio 2010.