Il card. Ouellet celebra la Messa del 35° Pellegrinaggio a piedi Macerata-Loreto

Il pellegrinaggio partirà sabato 8 giugno, alle 20.30, dallo stadio maceratese Helvia Recina

Roma, (Zenit.org) | 558 hits

Manca esattamente un mese all’atteso appuntamento del Pellegrinaggio a piedi Macerata-Loreto, che si svolgerà sabato 8 giugno, con inizio alle ore 20.30, presso lo stadio Helvia Recina di Macerata. A presiedere la celebrazione della Santa Messa sarà il Cardinale Marc Ouellet, porporato canadese, Prefetto della Congrazione per i Vescovi.

In un’intervista qualche giorno dopo la sua partecipazione al Conclave che ha sancito l’elezione del nuovo Papa Francesco, il Cardinale Ouellet ha definito il Pellegrinaggio come «una testimonianza di fede viva che indica un cammino di rinnovamento ecclesiale». «Così il pellegrinaggio – prosegue Ouellet nell’intervista del bollettino semestrale “Amici del Pellegrinaggio” – diviene la visibilità del cammino interiore di ogni cristiano che è chiamato a far crescere la fede battesimale fino a raggiungere la pienezza dell’uomo nuovo in Cristo». 

Al centro dell’edizione di quest’anno le parole pronunciate dal Papa emerito Benedetto XVI durante l’Udienza Generale del 7 novembre 2012: «Che cosa può davvero saziare il desiderio dell’uomo?». Più che un titolo è una domanda e una provocazione che si introduce nel cammino umano di ciascuno e invita a rispondere. Ermanno Calzolaio, presidente dell’Associazione “Comitato Pellegrinaggio a Loreto”, introduce in un’altra recente intervista il significato del nuovo titolo: «che cosa davvero mi soddisfa? Davvero mi bastano la famiglia, il lavoro, o il fatto le cose vadano bene? […] dentro ogni esperienza c’è un grido che rimanda più in là, e allora è come se la realtà collabori a farmi accorgere che io sono fatto per l’Infinito».

L’avvenimento del Pellegrinaggio Macerata-Loreto, insomma, si muove e muove le persone già da ora, sia tra i gruppi responsabili dell’organizzazione sia tra i pellegrini: ci si riunisce per organizzare i vari servizi, cercando sempre di far emergere, nell’amicizia, l’unità di tutto il gesto, crescono le visite al sito www.pellegrinaggio.org, si moltiplicano le richieste di invio del materiale per la diffusione da tutta Italia, iniziano ad iscriversi i primi pullman organizzati.