Il Card. Schönborn non ha messo in dubbio il celibato nella Chiesa

Chiarisce il portavoce dell’arcidiocesi di Vienna

| 2584 hits

VIENNA, venerdì, 12 marzo 2010 (ZENIT.org).- Il Cardinale Christoph Schönborn, OP, “non ha messo in dubbio in alcun modo il celibato nella Chiesa cattolica di rito latino”, ha dichiarato Erich Leitenberger, portavoce dell’arcidiocesi di Vienna, smentendo le interpretazioni dei media su alcune dichiarazioni del porporato.

Secondo l’agenzia di stampa cattolica Kathpress, nell’ultima edizione di “thema kirche”, periodico dei collaboratori dell’arcidiocesi, il Cardinale Schönborn aveva affermato che sugli abusi “deve esserci solo la via della verità ed è assolutamente necessario mettere al primo posto le vittime". La sua smentita è stata anche ripresa dalla Radio Vaticana.

Riprendendo le parole esatte dell'Arcivescovo, l'agenzia di stampa precisa che il porporato aveva auspicato un esame delle cause di abuso, tra cui: “la questione della formazione dei sacerdoti, così come la questione di quanto è accaduto con la 'rivoluzione sessuale' della generazione del '68. Ne fanno parte il tema del celibato, così come il tema dello sviluppo della personalità. E ci vuole anche una buona porzione di sincerità, nella Chiesa, ma anche nella società”.

Schönborn chiedeva inoltre un “cambiamento”: “per ogni nuovo caso di abuso, avvenuto nella Chiesa o altrove, mi chiedo: 'E tu, hai davvero fatto qualcosa per il cambiamento?”.

Riallacciandosi alle parole del Cardinale Schönborn, Leitenberger ha concluso: “La sincerità è auspicabile anche nei resoconti sulle dichiarazioni di personalità della Chiesa".