Il cardinale Bertone smentisce le notizie de "l'Espresso" sul "caso Boffo"

In un'intervista, Vittorio Feltri indica il cardinale come la fonte della velina sull'ex direttore di "Avvenire". Bertone: "Ricostruzione falsa e offensiva. Agirò per vie legali"

Citta' del Vaticano, (Zenit.org) Redazione | 484 hits

E' categorico il cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato vaticano:le notizie riportate dal settimanale 'L'Espresso' sul caso Boffo e contenute in un'intervista a Vittorio Feltri sono totalmente "infondate".Nel colloquio, il giornalista afferma che "fu Alessandro Sallusti a dirmi che la fonte della velina su Dino Boffo era il cardinale Bertone, che l'aveva data a Luigi Bisignani e Daniela Santanchè".

Una ricostruzione, questa, "falsa e offensiva" secondo il porporato, che in una nota conferma di non aver ''mai consegnato nessuna velina su Boffo a chicchesia''. Bertone smentisce inoltre ''di essere stato all'origine di tale fatto'', ma di aver "appreso dai mass media" della "incresciosa vicenda dell'ex direttore di 'Avvenire".

Un "nuovo e ingiustificato attacco", quindi, alla persona dell'ex Segretario di Stato, il quale però questa volta si riserva di ''adire le vie legali''.