Il Cardinale Paul Poupard: “Non siamo sociologi ma Pastori”

| 412 hits

CITTA’ DEL VATICANO, 8 marzo 2004 (ZENIT.org).- Per far fronte al nuovo volto della non credenza, è stata convocata in Vaticano l’Assemblea Plenaria del Pontificio Consiglio per la Cultura, in modo da offrire ai pastori e agli evangelizzatori un aiuto adeguato.



A questo proposito il Cardinale Paul Poupard, Presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura ha detto: "Non si tratta di continuare ad esaminare il problema della perdita o meno della fede, ma di dare risposte concrete. Noi non siamo sociologi, ma pastori. Dobbiamo aiutare a rispondere a una semplice domanda: Cosa dobbiamo fare?".

Ai lavori che si svolgeranno dall' 11 al 13 marzo 2004, parteciperanno in qualità di relatori i cardinali Murphy O'Connor, Arcivescovo di Westminster (Gran Bretagna), che interverrà sul tema: "Il dialogo personale con i non credenti"; il Cardinale Walter Kasper, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, che parlerà sul tema: "Le Chiese cristiane davanti alla sfida della non credenza".

E ancora il Cardinale José da Cruz Policarpo, Patriarca di Lisbona (Portogallo), che interverrà su: "Nuove missioni cittadine in Europa"; il Cardinale Francis E. George, Arcivescovo di Chicago (Stati Uniti d'America), su: "Istituzioni educative: scuola e università"; il Cardinale Polycarp Pengo, Arcivescovo di Dar-es-Salaam (Tanzania), "Il catecumenato per giovani e adulti".

Ed infine il Cardinale Rodolfo Quezada Toruño, Arcivescovo di Guatemala (Guatemala), "Tra religiosità e non credenza: New Age, Nuovi Movimenti Religiosi e Sette"; il Cardinale Antonio María Rouco Varela, Arcivescovo di Madrid (Spagna), "Non credenza e secolarizzazione tra i giovani: la risposta della Giornate Mondiali della Gioventù"; il Cardinale Ivan Dias, Arcivescovo di Bombay (India), "La via dell'amore".

L'attuale Pontificio Consiglio per la Cultura è l'erede e il continuatore diretto del Segretariato per i non credenti, creato da Paolo VI il 9 aprile 1965, e che il prossimo anno celebrerà il suo quarantesimo anniversario della fondazione.

Il Segretariato è stato successivamente fuso con il Pontificio Consiglio per la Cultura, mediante il Motu Proprio Inde a Pontificatus del 1993, conservandone intatta la missione originaria.

Il Cardinale Poupard, che è succeduto al Cardinale König a capo di questo Segretariato nel 1980, ha guidato da allora questo Pontificio Consiglio come Presidente. Il prossimo anno, in coincidenza con il suo doppio giubileo sacerdotale ed episcopale, compirà 25 anni come Capo Dicastero, diventando così il Cardinale rimasto più lungo alla guida di un Dicastero.