Il Cardinale Ravasi nuovo presidente della Casa di Dante in Roma

Il 7 marzo conferenza stampa con la presentazione di progetti e prospettive del Sodalizio Romano

| 902 hits

di Antonio D’Angiò

ROMA, lunedì, 5 marzo 2012 (ZENIT.org).- La Casa di Dante in Roma, a quasi cento anni dalla sua fondazione avvenuta nel 1913, ha un nuovo presidente. E’ il Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, il quale prende il posto del dimissionario Giulio Andreotti (che lascia per “l’avanzata età”), in quell’incarico che è stato già ricoperto dal fondatore Sidney Sonnino e poi anche da Giovanni Fallani e Luigi Gui.

Come avviene oramai da decenni, anche quest’anno nel periodo cheintercorre dai primi di novembre a fine marzo, ogni domenica mattina dalle 11 a mezzogiorno, nella storica sede di Palazzetto degli Anguillara in Trastevere a Roma, si tiene la “Lectura Dantis Romana”. Il programma del 2011 - 2012 vede l’approfondimento dei primi diciassette canti del Purgatorio integrati dalla prima lezione del professor Barbero su “La nascita del Purgatorio” e da un intervento della poetessa e saggista Jacqueline Risset su “Dante e Botticelli”.

Se ne “La nascita del Purgatorio” è stata la storia a fare da filo conduttore alla lezione prendendo a riferimento gli studi di Jacques Le Goff autore della famosa e omonima pubblicazione, in “Dante e Botticelli” è l’arte che ha guidato l’uditorio nel seguire i misteri delle fragilissime tele, alcune delle quali conservate nella Biblioteca Vaticana. Né si possono dimenticare le emozioni suscitate dal poeta Daniele Piccini nella sua lezione sul Canto V con la narrazione dei delicati versi dedicati a Pia de Tolomei “ricordati di me, che son la Pia; / Siena mi fé, disfecemi Maremma:” per coloro che, uccisi, hanno atteso il momento estremo della loro vita per pentirsi.

Tra le altre attività de la Casa di Dante in Roma, da citare l’apertura al pubblico della Biblioteca, la presenza sul web tramite il sito internetwww.casadidanteinroma,ite la partecipazione all’organizzazione di importanti mostre su Dante come quella dell’estate 2011 intitolata "Dante poeta e italiano: 'legato con amore in un volume'", in collaborazione con la Provincia di Roma.

Ora, il 7 marzo alle 11.30 presso la sede in Piazza Sidney Sonnino 5 a Roma il Cardinale Ravasi in una conferenza stampa illustrerà i progetti e le prospettive di sviluppo dell’Associazione, sia in vista del centenario della fondazione che circa un decennio da quel 2021 che segna il settecentesimo anniversario della morte di Dante Alighieri.

Certi che, come ha scritto Ravasi nell’ inserto culturale de “Il Sole24ore” domenica 12 febbraio scorso: “Non partiamo mai da zero, nella scienza e nella filosofia, nell’arte e nella religione, ma ci fondiamo su idee grandiose che ripensiamo. Idee e intuizioni di giganti sulle cui spalle guardiamo l’orizzonte infinito dell’essere e dell’esistere. Ed é per questo che vediamo più lontano”.