Il cardinale Tomko inviato del Papa a Lviv

Il porporato sarà l'inviato speciale del Pontefice per il 600° della creazione dell'arcidiocesi di Leopoli dei Latini

| 542 hits

CITTA' DEL VATICANO, domenica, 2 settembre 2012 (ZENIT.org).– Benedetto XVI ha nominato il cardinale Giuseppe Tomko, prefetto emerito della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, suo legato straordinario per il 600° anniversario della creazione dell’arcidiocesi di Leopoli dei Latini, che verrà celebrato sabato 8 settembre a Lviv, in Ucraina. Pubblichiamo di seguito la traduzione italiana della lettera della nomina.

***

Al nostro fratello venerabile
Sua Eminenza Reverendissima il Cardinal Giuseppe Tomko
Prefetto emerito della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli

Ricorre il seicentesimo anniversario dalla fondazione della chiesa arciepiscopale metropolitana di Leopoli. In un tempo così lontano la salvezza del Signore misericordioso fu portata in quella regione. Quel seme spirituale, una volta sparso, con l’aiuto della grazia divina, poté crescere e produrre frutti abbondanti. Neppure ai nostri tempi mancò il sostegno del Nostro predecessore, il Beato Giovanni Paolo II, che ivi si recò, per incoraggiare i cristiani alla sequela di Cristo e per confermare i loro retti propositi.

È pertanto molto conveniente che questo evento sia celebrato con adeguata cura perché i voleri dei fedeli siano più intensamente orientati a propositi di bene e si rafforzi l’impegno nelle virtù cristiane, in modo che l’intera compagine ecclesiale possa formarsi più approfonditamente alle parole e agli insegnamenti del Salvatore.

Perché dunque questo rito si svolga in modo più splendido ed efficace, col vivo desiderio di venire incontro al nostro venerabile fratello Mieceslao Mokrzycki, Arcivescovo Metropolita dei Latini di Leopoli, abbiamo deciso di inviare un presule di spicco che svolga le Nostre funzioni ed agisca a nome Nostro, soprattutto il prossimo 8 Settembre, quando a Leopoli si terranno le sacre celebrazioni e le reliquie di san Giacomo Strepa saranno portate per le vie della città.

Il nostro pensiero è andato a te, o nostro venerabile fratello, che indubbiamente ti presenti come persona idonea a prestare questo servizio e a compierlo in modo eccellente. Perciò con grandissimo affetto, ti scegliamo e stabiliamo come Nostro legato straordinario per compiere la celebrazione di cui abbiamo parlato.

Dichiarerai apertamente la Nostra benevola sollecitudine, mentre effondiamo preghiere perché la vita spirituale sia rinnovata ed arricchita di insigne amore per Dio. Trasmetterai infine il Nostro caloroso saluto e desideriamo che a nome Nostro e con la Nostra autorità tu accordi con generosità la Nostra Benedizione Apostolica a tutti i partecipanti a questo evento perché sia un annuncio dei divini favori e segno di un tempo di gioia.

Castel Gandolfo 8 agosto 2012, ottavo del nostro Pontificato.

[Traduzione dal latino di Don Roberto Spataro, S.D.B.]