Il cordoglio di Benedetto XVI per la morte del cardinale de Araújo Sales

L'Arcivescovo di Rio de Janeiro, 91enne, era stato membro della Commissione che elaborò la "Gaudium et Spes" durante il Concilio Vaticano II

| 728 hits

CITTA' DEL VATICANO, martedì, 10 luglio 2012 (ZENIT.org) - Benedetto XVI ha espresso il suo profondo cordoglio per la morte, avvenuta nella notte a Rio de Janeiro, del cardinale brasiliano Eugênio de Araújo Sales, arcivescovo emerito di Rio: il porporato aveva 91 anni.

Il Papa, in un telegramma, lo ricorda come “pastore intrepido” e “testimone autentico del Vangelo in mezzo al suo popolo” che ha indicato a tutti “la via della verità nella carità e del servizio alla comunità, nella costante attenzione ai più svantaggiati”.

"Il cardinale de Araujo Sales – ha detto il Papa – ha attuato nella vita il suo motto episcopale 'Mi prodigherò e mi consumerò', diventando per tutti in Brasile anche un sicuro punto di riferimento e di fedeltà alla Sede Apostolica”.

Il porporato era nato ad Acari, diocesi di Caicó (nello Stato di Rio Grande do Norte), l’8 novembre 1920. Ordinato sacerdote il 21 novembre 1943, ha esercitato il ministero negli ambienti rurali. In seguito, è stato chiamato nel Seminario di Natal per ricoprire gli incarichi di economo, professore e direttore spirituale.

Nominato da Pio XII - vescovo titolare di Tibica e ausiliare per l’arcidiocesi di Natal - il primo giugno 1954, ha ricevuto la consacrazione episcopale il 15 agosto dello stesso anno. Nell’ottobre del 1962 è succeduto - in qualità di amministratore apostolico sede plena - all’arcivescovo di Natal.

In questa sede ha promosso una serie di iniziative subito diffusesi in tutto il nord-est del Brasile: ha fondato il servizio di assistenza sociale per i lavoratori rurali, per i quali ha pure realizzato dei centri per l'educazione di base, e dato inizio a trasmissioni radiofoniche per l'istruzione elementare e media dei ragazzi che non potevano raggiungere le scuole della città e dei vari centri.

Nel 1964, in seguito alle precarie condizioni di salute del cardinale Alvaro da Silva, è stato nominato amministratore apostolico sede plena di São Salvador da Bahia, e ne è divenuto arcivescovo il 29 ottobre 1968. In questa arcidiocesi ha intrapreso nuove iniziative pastorali e si è adoperato per la promozione sociale delle fasce meno abbienti della popolazione, anche in qualità di Presidente del Segretariato nazionale brasiliano per l'azione sociale.

Durante il Concilio Vaticano II è stato membro della Commissione per l'apostolato dei laici e della Commissione mista che elaborò lo schema della Gaudium et spes. Paolo VI lo ha creato cardinale nel 1969. Per più di trent’anni, dal 13 marzo del 1971 al 25 luglio 2001, è stato arcivescovo di São Sebastião do Rio de Janeiro.

Rilevante è stata pure la sua attività nell'ambito del Consiglio Episcopale Latino Americano (CELAM) dove ha diretto il dipartimento per l'azione sociale. Dal 22 giugno 1972 al 3 ottobre 2001 è stato anche ordinario per i fedeli di rito orientale sprovvisti di ordinario del proprio rito. Ha ricoperto anche l’incarico di presidente delegato all’Assemblea Speciale per l’America del Sinodo dei Vescovi (16 novembre - 12 dicembre 1997).

Con la scomparsa del porporato brasiliano, il Collegio Cardinalizio risulta ora composto da 208 cardinali, di cui 121 elettori e 87 ultraottantenni.